username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Oona e la disfatta

La fine
di tutto
é in una bolla d'aria
che arresta il corso cadenzato
e naturale
dal cuore alla testa
vitale.

La non riuscita
d'intenti laboriosi
ad ammansire l'onda anomala
ormai in risacca
l'inutile tentativo mai tentato
d'un riparo all'inevitabile
alla disfatta

Che trenta furono
le monete sonanti
sufficienti all'abbandono tra le spine
che trenta furono i minuti occorsi
a che i bagagli fossero ordinati e pronti
e trenta sono quelle scaglie liquide
che scaldano in veleno il tuo
respiro
che tu chiami "amiche fidate"
che hanno fatto un mare
tra il prima
e il destino

Cavalchi l'onda ora
sottosopra
con la mente nell'acqua in apnea
col dolore per la sposa rubata
sola contro l'inferno
di cui ti sei
fidata.

Un mondo è spento
un altro è fiamma lieve
che pulsa ancora e vive
nel silenzio del credo
ed io dannata e vile
non dono né chiedo
per te e lei soltanto
nell'ombra
io prego.

 

0
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • laura cuppone il 12/06/2010 11:23
    il perdono... la preghiera.. il peccato.. il.. tormento.. oppure
    l'assoluto niente... ecco questo potrebbe uccidere
    anche chi tiene l'arma in mano..

    un bacio grande a te e Dome!!!!!!!!!

    viaggetto in vista?

    Lau
  • laura cuppone il 12/06/2010 11:20
    grazie denny
    .. un abbraccio
    Lau
  • Attanasio D'Agostino il 11/06/2010 12:28
    versi delicati e forti...
    si nel perdono la preghiera...
    un abbraccio ed un caro saluto tanà.
    Ciao laura un abbraccio da Domenico
  • denny red. il 11/06/2010 02:48
    laura c. ottima poesia, sempre brava! bei versi!!
    Che trenta furono
    le monete sonanti...
  • laura cuppone il 11/06/2010 00:33
    ciò che é fatto...

    grazie a tutti

    Tutto torna al suo vero e unico posto prima o poi...
    Laura
  • augusto villa il 10/06/2010 18:14
    Poesia sull'amore infradito...
    ... conviene essere scalzi quando si cavalca l'onda... soprattutto se la si cavalca sottosopra... Si rischia di perderle...
    sono scemo, grazie, lo so!
  • augusto villa il 10/06/2010 17:58
    Penso che gli ultimi 4 versi siano davvero la base di tutto.
    Chi non capisce questo... rischia di non capire.
    Un abbraccio fortissimo essere "imperfetto" ...(fossero tutti così!..)
    Ah... brava!... me che te lo dico a fare che poi dici che son di parte
    ---------------------------------
  • loretta margherita citarei il 10/06/2010 17:02
    tormentati versi, anima in pena e senza pace, inutile la preghiera senza il perdono bellissima
  • Salvatore Ferranti il 10/06/2010 14:01
    cinque stelline, perchè è una poesia che merita tantissimo...
    applausi infiniti...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0