accedi   |   crea nuovo account

Lu pupu dissoccupatu

Pittule, pitteddhe e pasturale
Na crotta e na steddha: è turnatu Natale!
È tuttu nu fusci fusci 'mmienzu 'lle vie,
nc'è cristiani carcati intra a tutte le 'bbutie.
Comu pupi te crita me pare la gente
E lu mundu ssamija a nu brasepiu vivente.
Tra luci 'ntermittenti tutti tenene te fare,
puru lu macu te la steddha have fatiare.
Bancarelle te 'mbroje, te 'nchiali e te cullane,
pupi te ogni culore vanuti a 'qquai te terre luntane;
puru a sta festa hane purtatu l'allegria:
occhi te caniceddhi, 'bbandunati 'mmienzu 'lla via.
'Nci su puru jeu, 'rretu 'nn'angulu, 'nturtijatu
Percé me nde scornu... percé su dissoccupatu.
Lu scarparu me rite e me chiama intra 'lla scena,
'nnu è 'ppe caritate... ma percé nde fazzu pena.
'Ncè poi... toi pupi, pittati a manu, unu 'ppe unu
'mpuggiati ddhai percé intra 'lla vita ane bbutu culu;
unu have scrittu ca se mangia senza fatiare,
l'addhu ca n'ommu more quannu spiccia te sunnare;
lu primu cu la bandiera russa e cu tanta te ventre,
l'addhu, 'ncravattatu, pija pe fessa la gente.
Stane 'nfacce ddha crotta, 'mprima fila
E nu sse 'ddunene ca stu mundu vae a ruvina.
Ha tantu ca li cercu, ca aggiu 'ffatiare
Ma ciujeddhi te tutti toi me acchia facci 'ccosa te fare.
Pe na fatia a sta generazione
Nu basta 'cchiui na raccumandazione!
Sapene iddhi sullu corsu, cu te fermene e te ritene
ma, topu ca l'hai votati, facene finta ca nu te vitene.
'Qqua 'nnanzi 'mmeve nc'era na pupa ca, 'ppe quantu 'bba straccati,
l'iti 'mbrujata e manata 'nterra cu la spriculati.
E cussì restu 'ssulu, cu la capu ca me tole.
Tanti anni pe nu stozzu te carta... malatette le scole!
La pesciu tiscrazia pe nu dissoccupatu
Ete lu giurnu ca mammasa l'have scravatu.
Nc'è puru latri, delinquenti e farabutti te ogni specie ed era,
'mmenu iddhi na cosa l'hane 'bbuta: la calera!
Ma jeu, 'qqua 'rretu, cu sta vita senza... crai
Me nde scornu percè nu me pijene mancu 'ddhai.
No, beddhi mei, jeu preferiscu 'mme scundu
Percè quiddhu meu ete tuttu n'addhu mundu.
Cussì ete la vita mia,
china te... nienzi e te malincunia:
l'amici, lu barra, na partita te pallone
poi, 'ccasa a parentama a 'nfacce 'lla televisione;
lu sabbutu 'ssera, vastutu 'ccaramella,
la machina te sirama, na creppe alla nutella...
tutti ane 'bbitire ca suntu nu signore...
ma quannu tornu 'ccasa, chiu l'occhi e se scura lu core.
Tutti li sonni fatti quand'era vagnone
l'aggiu 'ncartati cu 'lla disperazione:
oju 'mme mbicinu, te scusu, sta nuttata
cu 'lli 'mpoggiu sotta ddha crotta 'mmaculata.
Bambinieddhu meu, te ca sai 'cci 'bbene 'ddire patire,
fame nu 'rracalu, timme addu aggiu scire;
fanne puru cu 'lla chiangu sta terra mia,
ma, pe 'll'anima te li morti, tamme na fatia.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 16/05/2016 10:15
    Complessivamente l'ho compresa, essendo amante di tutti i dialetti d'Italia, e questa tua merita il mio plauso tutto.

3 commenti:

  • Fabrizio Martello il 19/01/2011 16:15
    Vorrebbero che traducessi questa poesia... Ma non si può.
  • enrico ziohenry il 03/12/2010 16:37
    Secondo me, il gallipolino è il dialetto più bello d'Italia. Forse perchè sono mezzo gallipolino anch'io..., la metà buona! Bella la poesia, mi ricorda situazioni viste tante volte o tante volte raccontatemi. A volte drammi veri e propri, l'allontanamento dalla propria terra per poter vivere dignitosamente, la nostalgia, la distanza, il dolore di chi resta. anche nella mia famiglia è successo, diverse volte. Se puoi, non andartene da quella terra splendida, da quella gente che, anche se tra mille difetti, conserva un'umanità unica. Se puoi. Ti saluto e ti abbraccio, da gallipolino a gallipolino. ziohenry
  • Anonimo il 16/06/2010 22:16
    Tradurre please.

    Notte poeta.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0