accedi   |   crea nuovo account

La mia identità

Poter fermare il tempo,
quando la quiete invade gli spazi segreti,
e la luce s'amalgama a terra e cielo
per non recar disturbo
e il vento placido aleggia in sordina
senza danzar tra le fronde,
saprò chi sono
nel profondo dell'animo,
e immune dal più sottil dispiacere,
varcherò la soglia del domani.
Al di là della balconata,
ove la vigna si mostra al sole,
e la collina è ormai lontana,
sarò la bambina dai grandi sogni
dileguati nella purezza del gioco
e ascolterò la storia dal lieto fine,
ove il male non conosca gloria,
e il bene sappia contagiar le menti.
... Ma qual coraggio più ammirevole
dell'umile pulzella d'Orleans,
dal cuor inerme di ragione
ma di fede insignito,
potrò mai eguagliare...?!
... O la straordinaria carità
della suora dal sari bianco bordato d'azzurro,
cinta al dolore dell'uomo
nel mondo dei poveri,
saprò mai largire...?!
Solo i miei versi potran parlare...
... la poesia svelerà le mie buone intenzioni.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Bruno Briasco il 21/08/2011 16:27
    Una introspezione che lascia spazio alla meditazione e alla verità delle azioni senza le quali le belle promesse rimangono solo parole. Brava!
  • Vincenzo Capitanucci il 25/09/2010 17:17
    Sarò la bambina dei grandi sogni...
    Bellissima Morena... espandendosi in coscienza... si elargisce sempre di più...
    Versi... che dicono molto..
  • Aedo il 10/06/2010 23:29
    Un viaggio nella memoria veramente suggestivo. Brava!
    Ignazio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0