accedi   |   crea nuovo account

New York

Come una scia
che accende il cielo,
il manifesto della pubblicità,
poi dieci, cento, mille.
Sono una piccola luce
fra le luci del centro,
un suono indistinto,
fra i suoi mille rumori.
Come anima metropolitana
all'ombra dei suoi grattacieli,
fra ventiquattr'ore di corsa,
e visi sconosciuti,
di tutti i colori, New York,
babele di lingue e religioni.
La mia fantasia viaggia dentro
i graffiti della metropolitana,
dentro un Keith Haring,
nelle sale del Moma.
Hot dog all'angolo e ristoranti
di ogni specialità, solo fumo
e niente arrosto per quel
barbone che dorme, solo,
ad un angolo di strada, compagna
la sua solitudine, persa
fra mille e più volti,
New York, bella e volubile.
Si cambia abito di scena
e dal centro scende in periferia,
sale su di un yellow cab
e fugge via.
Donna che ama la libertà
ed essere corteggiata,
bella e irraggiungibile
per molti un sogno,
per me,
che ti immagino
guardando quel quadro...

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Simone Scienza il 14/06/2010 00:31
    Quanto mi piace aspettare passivamente
    che le tue parole si facciamo immagini
    davanti ai miei occhi

    Grazie per il bellissimo viaggio
  • tania rybak il 12/06/2010 23:00
    bel quadro, ma io non so perchè preferisco le altre citta, troppo caos non fa per me! bella poesia pero, brava
  • Manuela Magi il 12/06/2010 09:53
    Leggendola ho visto New York. Grazie.
  • Antonietta Mennitti il 12/06/2010 07:33
    Condivido con Denny. Infatti ci sono stata nel Natale 1992. Caotica come tutte le metropoli, ma ha un fascino particolare e percorrendo the streets e Piccadilly Square ci si incanta, osservando ad ogni angolo di strada venditori di caldarroste e leccornie varie con mimi che si esibiscono ai passanti. Avvolgente davvero!!!!!! Ottima descrizione Laura.
  • denny red. il 12/06/2010 03:02
    laura.. New York è bella solo nel periodo di natale, meglio l'altra città, dove è sempre giorno, non esiste la notte, li c'è sempre il sole.. se poi. fa troppo caldo.. nessun problema! si gira l'angolo.. e c'è il grande freddo.. un bel viaggio e si torna a casa.
    Stupenda! Poesia. New York Bravissima!!
  • - Giama - il 12/06/2010 00:03
    anche questa è un quadro da collezione, all'asta... inestimabile!

    Gia
  • rosella campelletti il 11/06/2010 23:58
    la metropoli è sempre una babele infatti io non l'amo molto preferisco un paesino in collina però è bene descritta. brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0