PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Improbabili scambi

La terra non ha gli ippocampi,
il mare muore dalla voglia di un limone.

Non chiamarmi pazzo
se contagio l'orto di morenti pesciolini,
o se pianto un alberello d'arance
sulla spiaggia,
dove l'acqua salata non lo nutrirà
che di frizzante veleno.

Non chiamarmi pazzo,
sono solo uno che prova pena,
e prova a condividerne il sapore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • tania rybak il 15/06/2010 00:59
    non chiamarmi pazza se anche io qualche volta cerco di cambiare le cose che non vogliono e non possono essere cambiate, bella poesia
  • Anonimo il 13/06/2010 22:06
    In questa tua poesia più che altro avverto un risvolto ecologico. Sperimentando improbabili scambi, provi a cambiare il mondo, così devastato per il quale provi pena;insomma, con questi scambi vorresti invertire il processo di distruzione della natura. Questa è la mia interpretazione, ma potrei anche essermi sbagliata, anche se questa, come soluzione,è quella che mi affascina di più.
  • Anonimo il 12/06/2010 21:51
    Stupenda provocazione in versi sulla capacità di scambio, di essere altro da sé, assumendo punti di vista diversi. Riflessione molto ironica che sfida l'assurdo. Bravissimo, poeta originale, come sempre.
  • karen tognini il 12/06/2010 19:48


    bella...
  • Patty Portoghese il 12/06/2010 15:32
    Ma come ti vengono, io proprio non lo so... Troppo tua, eh!
  • Cinzia Gargiulo il 12/06/2010 10:49
    Bella e particolare poesia scritta da una mente molto lucida.
    Bravissimo!...
  • rea pasquale il 12/06/2010 10:41
    poesia molto originale, a volte la natura ci sorprende.
    Ciao
  • - Giama - il 12/06/2010 10:02
    scambi improbabili è vero, ma chi lo sa... magari in qualche luogo un albero di arance potrebbe anche crescere sulla spiaggia e dare anche saporitissimi frutti...

  • Manuela Magi il 12/06/2010 09:56
    Ci sono cose impossibili da realizzare.
    Nonostante ci si metta tantissimo impegno...
    Particolare, bellissima. Ciao Sal
  • Maurizio Cortese il 12/06/2010 09:14
    Scambi quasi impossibili in un tentativo di provare il sentimento di quelle cose che dovessero incapparvi; bella riflessione, dai richiami eraclitei.
  • Anonimo il 12/06/2010 08:51
    Sal... nuovo stile!!
    Va beh... non ti chiamerò pazzo, leggendo Vincenzo tutto è possibile!!
    Il mondo è vasto e il mare muore, troviamo un modo per farlo rivivere!!
    Abbiamo bisogno del mare sano e della terra produttiva...
    bellissima riflessione...
  • Vincenzo Capitanucci il 12/06/2010 08:30
    Bellissima Salva... non sei pazzo... dobbiamo sempre cercare scambi improbabili... il condividere ci salverà...

    Sai a Bora Bora coltivavo sulla sabbia... concimavo l'orto con squaletti che erano morti impigliandosi nella rete... e condivo il pesce crudo del mare... con limone...
  • Antonietta Mennitti il 12/06/2010 07:23
    Molto particolari sono i tuoi versi Salvatore. Piaciuta!
  • loretta margherita citarei il 12/06/2010 05:59
    ottima
  • WILMA AVERSA il 12/06/2010 00:56
    Mi piace:il mare muore dalla voglia di un limone, che bei contrsti!
  • Donato Delfin8 il 12/06/2010 00:44
    Ottima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0