PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Puttane... esseri umani da guardare bene dentro

Tu puttana
la notte sorridi
per conquistare l'animale,
guadagnare di piú e dargli da mangiare.
Nessuno si chiede mai
chi si nasconde
dietro a pochi vestiti,
cosa si cela dietro a sorrisi
e parole dolci di conquista.
Dolore...
Paure...
Abbandono...
C'è chi dice: "piacere".
Nessuna donna vuole essere macchina del sesso.
Impaurite,
picchiate,
maltrattate
non vedono via d'uscita
nelle loro paure,
nessuno sa capirle,
aiutarle ma,
giudicarle
perchè loro a vendere il corpo ed i mariti
bastarti a comprarlo.
Sono loro
puttane fuori e vittime dentro
gli uomini,
bastardi fuori,
bastardi dentro.
Per quanto l'uomo possa essere migliore dell'altro
l'istinto è sempre quello.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2011 14:41
    In poche parole hai espresso uno dei più grandi mali della nostra società: la misoginia, e la fallocrazia decadente. La donna istigatrice e peccatrice; l'uomo "vittima" sacrificale. Paradossalmente, è immorale per la donna concedersi a più uomini, ma è un gesto eroico per l'uomo poter vantare di essere andato a letto con più donne. La prostituta deve vergognarsi per essersi concessa a pagamento, ma l'uomo non deve vergognarsi di aver "comprato" del sesso da lei. In qualunque modo la si metta, è sempre la donna ad uscirne perdente.
  • Salvatore Cipriano il 16/06/2010 22:07
    Schiave di persone senza scrupoli, costrette a sorridere. È se fossero uomini...
  • alice costa il 16/06/2010 14:54
    ottima la tua riflessione.. concordo con quanto hai scritto
    certo è un tema complesso su cui riflettere ma, in generale, valgono le tue parole
  • loretta margherita citarei il 16/06/2010 06:03
    bella riflessione
  • Gabriella Salvatore il 15/06/2010 22:46
    Riflessione vera ed attuale sullo sfruttamento della donna sia essa donna di strada, ma anche semplice casalinga o lavoratrice, vedi il cosiddetto mobbing che spinge le donne ad essere oggetto di maltrattamenti e ricatti. Straordinaria!
  • Regina Ghiglietti il 15/06/2010 22:45
    Buonasera bella poesia Fra nulla da dire nè sul tema nè nella stesura.
    Ma rendiamoci conto che nn è preciso ed esatto dire che tutte quante ci sono costrette,
    le conigliette di Playboy sn prositute pure loro ma non si può dire che sono costrette, maltrattate e picchiate lo fanno per libera scelta e lo fanno per un semplice motivo: la soddisfazione ed i soldi.
    È qst la differenza di base che distingue una prostitua di strada da una "d'alto borgo".
    E si sn d'accordo che gli uomini sono bastardi dentro e fuori ma anche qst nn è del tt esatto.
    I veri bastardi sn qll ke ce le mettono sulla strada e quelli che non le aiutano ad uscirne.
    Il padre di famiglia che va a puttane è ignobile, schifoso e tutto quello che volete ma alla fine se non ci fossero puttane sulla strada ma solo qll nei bordelli chiusi andrebbe lì.
    Nn è lui a cui bisogna dare tt la colpa. e nn è neanke corretto dire che è la società che ci impone di giudicare.
    Se giudichi sei tu a farlo e nn la società è una tua libera scelta e se lo fai nn dare colpe a terzi. Smettiamola di dare ad altri la colpa dei nostri errori se sbagliamo siamo solo noi a farlo.
    sxo di essere riuscita a siepgare in modo decente qll che volevo dire, sti discorsi mi vengono meglio a voce xD
    Un abbraccio forte^^
    Regina
  • francesca cuccia il 15/06/2010 16:31
    Grazie a tutti amici,
    grazie Salvatore il tuo commento é bellissimo.
  • Anonimo il 15/06/2010 14:15
    La società dell'uomo, intendo maschi e femmine, è proiettata tutta a guardare e a considerare solo l'aspetto esteriore. In base a questo sguardo ipocritamente approssimativo, rifiuta di gurdare ai contenuti. In questo tuo particolare tema, l'uomo, stavolta intendo solo il maschio, considera la donna solo un oggetto di piacere o di servizio. Puttana lo è, in questo caso, anche la donna di casa, la moglie. Tuttavia esiste anche una complicità, diretta o indiretta, della donna stessa che permette che queste cose avvengano.
  • Patty Portoghese il 15/06/2010 11:00
    Forte e decisa, grido di ribellione... Ottima, bravissima!
  • Anonimo il 15/06/2010 10:56
    La donna, a volte da sola si rende schiava dell'uomo, basterebbe una forte autostima per non cadere nella rete degli squali...
    Un tema attuale, poesia intensa.
  • rosella campelletti il 15/06/2010 10:24
    veramente ben scritta, come possiamo noi giudicare, eppure siamo sempre in prima fila ad additare questa o quella. brava