username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Notte di Primavera

Nitida notte di stellata,
in cui della Luna parmi udire la voce,
tanto nel cielo enorme appari.
Profumata e fresca è l'aria,
che dal colle giù scendendo,
seco porta dell'erbe e fiori,
e i profumi e le fragranze.
Gioioso è il rio,
che nel boscoso monte nasce,
per poi scendere correndo a valle,
ora saltando, ora deviando,
ora aggirando quel masso,
ora con largo corso, ed ora stringendo questo,
per infine gorgogliare
puro e fresco nella immacolata fonte,
fra pioppi e querce,
ove Pan, agli armenti attende.
Nitida notte in cui v'è dolce pace,
ed il mio pensiero all'Alto tende,
ed in te si perde, in cotanto incanto.
Nitida notte, che pensar m'è caro,
non finire mai.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Rosarita De Martino il 20/08/2014 19:22
    È un quadretto di rara bellezza bucolica, dove la luna fa da protagonista. Con simpatia. Rosarita
  • Anonimo il 24/06/2010 19:45
    quanta pace e tranquillità nella tua profondità di essere dando un significato a te stesso e hai tuoi lettori bravo
  • Anonimo il 20/06/2010 15:50
    Bella poesia. Mi hai fatto ricordare "Alla luna " di Leopardi, solo che la tua poesia trasmette più pace e serenità. Bei versi profondi e pieni di significato.
  • loretta margherita citarei il 15/06/2010 16:07
    bella poesia romantica, complimenti guido
  • marinella addis il 15/06/2010 11:22
    Ma che bella.. dolce.. romantica! bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0