username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Spesso

Non sempre i tasselli
tornano al loro posto
in maniera spontanea
- a volte occorre
il giusto tocco
che l'assesti -

Ma che non sia mai una spinta,
perché la gentilezza
è la vera padrona del mondo,
anche se ormai
s'è travestita da tempo

Non sempre i cuori
ritrovano la pace
che avevano perso;
spesso è la voce più potente
a comandare sul ritmo
dei respiri:
o è la vita
o è la morte

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Antonietta Mennitti il 19/06/2010 06:28
    Sei molto saggio Salvatore perchè illustri nelle tue poesie e con profonda verità tutto ciò che è attuale. Bravo.
  • giusi boccuni il 19/06/2010 00:21
    spesso i conti non quadrano, i tasselli non s'incastrano, qualcosa ci sfugge, qualcosa ci vince... siamo piccoli frammenti di cielo, gentile, a volte offuscato da nubi
  • karen tognini il 18/06/2010 22:45


    bella.. profonda..
  • loretta margherita citarei il 18/06/2010 22:16
    molto saggio, scrivi ottimi riflessivi versi, super salva
  • Dolce Sorriso il 18/06/2010 21:26
    mi piacciono le tue riflessioni... grazie Salva
  • laura marchetti il 18/06/2010 20:12
    profonda e saggia riflessione, bravissimo come sempre
  • Anonimo il 18/06/2010 16:26
    La gentilezza era la vera padrona del mondo. Lo è ancora? Fra la vita e la morte c'è un'altra possibilità:la borsa che oggi è mezzo vuota... dunque, si potrebbe dire a chi ha la borsa piena "o la borsa o la vita", così, dando la borsa, si ritrova la borsa mezzo vuota come gli altri, evita di morire, continua a vivere ed il cuore ritrova la pace che aveva perso.
  • Elisabetta Fabrini il 18/06/2010 10:28
    O la vita o la morte, o il tutto o il niente... bella poesia, per riflettere ancora.. bravo!
  • Cinzia Gargiulo il 18/06/2010 09:38
    Un'introspezione intensa la tua che ci induce a riflettere.
    Molto bella!...
  • vincent corbo il 18/06/2010 09:10
    Le tue poesie mi piacciono sempre di più, c'è sempre un "quid" che conduce il lettore a delle riflessioni molto profonde.
  • Anonimo il 18/06/2010 08:34
    Spesso i due impulsi in un'eterna antitesi lottano per l'affermazione dell'uno sull'altro. Nel mosaico delle emozioni resta per l'umanità un'unica norma sempre valida:il desiderio di convivere serenamente nel rispetto reciproco. Poeta molto apprezzato, sai cogliere in questi versi l'altalenante condizione dell'uomo. Elogio sincero.
  • Anonimo il 18/06/2010 08:34
    Bellissima introspezione e riflessione per noi Sal, grazie!!

  • tania rybak il 18/06/2010 01:23
    spesso chi è troppo duro di cuore sceglie la morte avendo un'ancora di salvezza a portata di mano, bella riflessione Salvatore, bravo
  • Maurizio Cortese il 18/06/2010 01:12
    Il giusto tocco può essere vitale o mortale; aggiungerei all'alternativa quello immortale.
    Riflessioni come sempre incisive.
  • Manuela Magi il 18/06/2010 01:10
    Si, spesso ci sono delle cose che non fanno ascoltare il cuore.
    Spesso la quotidianetà non permette di soffermarsi su ciò che dovrebbe donare la serenità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0