PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Natale in armi

Fu il Natale
più duro
della storia
d'Italia, i
bambini
avevano
dimenticato il
Babbo - artefice
dei regali di
Natale.

Si udivano
solo le armi
dei tedeschi
nel freddo
del gelo
montanaro,
la ribellione morì
impassibile, di notte.
i Germani avevano
stroncato i partigiani!

Ma non tutto finì,
ebbe solo inizio,
l'aurora doveva
arrivare nel giorno
più bello e meraviglioso
della vita partigiana.

 

1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Donato Delfin8 il 18/06/2010 16:06
    Ottima.
  • loretta margherita citarei il 18/06/2010 15:49
    bella ricostruzione storica, piaciuta
  • Anonimo il 18/06/2010 10:44
    Rievocazione storica molto apprezzata. Un Natale vissuto durante la guerra, di dolore e di speranza. L'ho letta con interesse: eccellente scrittura per la forma ed i contenuti. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0