PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

A lucidda luntana

Che bedda a lucidda
a luccida ro core
sentu lu core ca abbatte chiu forte

si come l'alba d'argento ca s'ammisca co mari
luccidda si come na pupa cu l'occhi rari
capiddi ri sita, labbra carnusi e modi ruffiani

quannu camini pari na danza
u to naculiare mi rinesci a calmari
biddizza unica occhi ri incantu
vicinu ri tia mi sentu cuntentu

iu chiddu ca provu
a stentu rinesciu
a fariti capiri ca pi tia sugnu pazzu
mi teni la manu
acchiana nu brividu
m'arrizzunu li carni ri quantu si bedda
fai sapuri ri coccu ri zagara e ciuri

luccidda mia luccidda ro core
uni isti a finiri nun mu sacciu spiegari
mi sentu sulu e scunsulatu
lu me core ora care malatu
lucidda ritorna illumina a strada
picchi senza i tia nun pozzu campari.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Francesco Garofalo il 18/06/2010 16:10
    Si solo il dialetto riesce a regalare certe emozioni e rime
  • Anonimo il 18/06/2010 16:06
    Chi bedda l'arba d'argentu ca s'ammisca co mari. m'arrizzunu li carni di quantu si bedda.. che belle espressioni che solo il dialetto può esaltare. ciao
  • Francesco Garofalo il 18/06/2010 13:59
    grazie mille, grazie davvero... quello che ci sta scritto... risiede veramente dentro di me... quando perdi una persona cara... è difficile dimenticare GRAZIE
  • Giuseppe Bellanca il 18/06/2010 13:49
    Poesia intensa ricca di sentimento per una persona persa che non si può dimenticare e ce se ne sente una forte assenza, lasciando la persona sconsolata.
    Bravo, ottime righe dialettali ciao.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0