accedi   |   crea nuovo account

L'umano viandante

Vento che scuoti le fronde,
che porti sereno o tempesta,
sconquassa il mio stato di veglia,
trasforma il mio andare modesto,
in trionfo di gioie e colori.
E se mai tu ascoltassi gli implori,
ci donassi la tua forza in natura,
disarciona l'umana pietà,
ricomponi l'umano viandante,
che smarrito calpesta ogni dove.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Manuela Magi il 20/06/2010 14:17
    Contenuto che dice molto.
    C'è il bisogno di cambiamenti di scosse immediate per vivere.
  • Glauco Rossi il 20/06/2010 11:08
    Grazie Loretta! Grazie Cristina! Grazie Giacomo! È col vostro supporto che mi accingo a scrivere un'opera abbastanza impegnativa che ho deciso di intitolare "La divina c..."!!!
    Scherzi a parte auguro a voi una buona Domenica!!! (forse non tanto soleggiata...)
  • loretta margherita citarei il 20/06/2010 06:32
    bella riflessione piaciuta molto
  • Anonimo il 19/06/2010 21:24
    Mi piace, ben scritta, bravo.
  • - Giama - il 19/06/2010 19:06
    molto molto bene! e meno male che non hai titoli...

    ottimo il contenuto,
    ritmo perfetto!

    Bravissimo!

    Ciao Gia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0