username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Me manchi, more mjo

Tantu se soffre
a statte lontanu,
amore mjo,
me pare lu core
crucefissu sia
allu legnu
de a nostargia.
Più nun me basta
manco a preghiera,
pe truvà pace
e cunsulazione,
tu si na canzone,
nu sognu
che sale dallu core
alla mente,
a prima sera,
ma che me fa
arcoje allu mattinu
fiori de mandurlu
fioritu
su spine de biancuspinu..
È te che vojo
ancora e ancora,
adessu come adessu
me basteria
anco n'ora,
pe tinitte strittu
strittu,
tra le braccia,
sur miu pettu,
cuscì che l'anima
mja appagata,
vorda ar sorriso,
potria dì
d'ave trovatu
in terra,
n'angulu de paradisu.

 

l'autore loretta margherita citarei ha riportato queste note sull'opera

dialetto umbro, spoletino, per agevolare la lettura leggere la o a posto della u finale su tante parole, vorda si interpreta in volta.


un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Anonimo il 22/06/2010 18:08
    Il dialetto è l'espressione dell'anima. Ci sono cose che dette in italiano non avrebbero lo stesso profumo e lo stesso sapore. Bella.
  • tania rybak il 21/06/2010 15:44
  • denny red. il 21/06/2010 04:52
    ottima!! Lory, bravissma!!!
  • claudia pinheiro montenegro il 20/06/2010 19:40
    Ciao Loretta,

    stavo tentando tradurre per portoghese, ma... mi aiuta... piacerebbe capire.

    Tanto se sofre
    por estares longe
    meu amor
    mas para o coração
    és crusifixo
    na madeira
    nostalgia
    mas não me basta
    preciso da oração
    para ter paz
    e consolação
    tu sejas na canção
    no sonho
    que sai do coração
    para a mente
    primeiro serás
    mas que me faz
    colher de manhã
    flores de mandorio
    floridos
    sobre espinhos, brancos espinhos
    É que te vejo
    ainda e ainda
    ancora e ancora,
    agora como agora
    me bastaria
    também uma hora
    para ti ter estreito
    estreito
    entre os braços
    sobre o meu peito
    mesmo que a alma
    me seja apagada
    darei um sorriso
    podia dizer
    de ter falado
    em terra
    no ângulo do paraíso

    xx
    io prego: Padre benedica qui con Tua Pace, in Nome di Gesù, Amen.
  • Anonimo il 20/06/2010 15:03
    fragile cuore che s'esprime con tanto amore, si perchè il dialetto è una via che emoziona il cuore, grazie dell'emozione un bacio salva.
  • B. S. il 20/06/2010 14:23
    Bravissima anche in vernacolo!
    Ciao Lor.
  • giusi boccuni il 20/06/2010 13:16
    che bella, così musicale che ci farei uno stornello, già immaginavo le note di accompagnamento
  • francesca cuccia il 20/06/2010 11:41
    Anche in dialetto parli d'amore come carezze, bravissima.
  • Anonimo il 20/06/2010 10:50
    Si comprende benissimo, il dialetto parla d'Amore, uguale, in tutto il mondo!!
    E tu ne sai trarre versi bellissimi Lor...

  • rea pasquale il 20/06/2010 10:21
    CHE BRAVA!!
    Sai dare alle poesie d'amore, una rara originalità.
    Complimenti.
    Un saluto
  • laura marchetti il 20/06/2010 10:11
    molto brava... poesia comprensibilissima e davvero BELLA!
  • - Giama - il 20/06/2010 09:41
    angolo di paradiso per l'anima... bellissima e dolcissima!

    grande Lor

    Ciao
    Giacomo
  • Vincenzo Capitanucci il 20/06/2010 09:09
    Tu si na canzone Amore mio... un angolo di paradiso in terra...
    Bellissima l'Or... tanti pastori sardi... son venuti negli anni 60 in Umbria... quando c'era stato il boom di un paradiso-miraggio industriale... si comprava ettari di terre ricchissime... per poche lire...
    ma questo non c'entra niente con il dialetto Spoletino... di facilissima lettura...
  • Giuseppe Bellanca il 20/06/2010 09:02
    Povero cuore, bisogna stargli sempre vicino.
    Brava mi piace quando scrivi in dialetto, ciao cara amica mia.
  • Antonietta Mennitti il 20/06/2010 08:07
    È sardo? Voglio la traduzione... Smack!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0