PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Cosa fare

Dimmi amico cosa cerchi nell'oscurità;
spero che tu non stia cercando della giustizia,
perchè nella notte non c'è giustizia ma solo malvagità.
Sai però cosa puoi fare?
Puoi venire insieme a noi.
Noi sappiamo come fare, non starci a pensare.

Ti aggiri per le strade di questa città
e continui a vedere delle ingiustizie;
anche tu vorresti cacciare la malvagità.
Sai però cosa puoi fare?
Puoi venire insieme a noi.
Noi sappiamo come fare, non starci a pensare.

Vivo quando agisco:
voglio cambiare il mondo
e allora ho capito cosa posso fare.
Prendo il fucile e vado a cercare la malvagità.
Sai però cosa puoi fare?
Puoi venire insieme a noi.
Noi sappiamo come fare, non starci a pensare.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

53 commenti:

  • Riccardo Brumana il 06/09/2008 16:33
    Giampaolo, sempre pronto, così mi piaci!!
    grazie del passaggio!!!
  • Giampaolo Angius il 18/03/2008 20:47
    Quando si parte??
  • Riccardo Brumana il 21/11/2007 22:58
    Cinzia, l'alba più bella è quella che deve ancora sorgere.
  • Riccardo Brumana il 21/11/2007 22:55
    Angelica, ho aggiunto nuovi colori nella mia vita, di conseguenza nel mio scrivere, ma non getto mai niente che mi appartenga, e nemmeno lo rinnego!
  • Riccardo Brumana il 21/11/2007 22:52
    Manuel, è così che l'ho sentita. grazie.
  • Riccardo Brumana il 21/11/2007 22:50
    Massimo, spiacente ma non li conosco. ciao.
  • Riccardo Brumana il 21/11/2007 22:48
    Romina; sia per me che per chi verrà! grazie del commento.
  • Cinzia Gargiulo il 20/11/2007 23:47
    Cosa fare per ripulire il mondo dalla malvagità?... Bella domanda!
    Stare a guardare senza far nulla vuol dire accettare passivamente senza neanche provare a migliorare il mondo.
    Però prendere il fucile è mettersi alla pari dei malvagi... ma io credo che tu prendi il fucile per far fuori la malvagità metaforicamente volendo intendere che non hai intenzione di essere spettatore passivo di tante ingiustizie...
    Comunque sia mi piace, anche questa esprime una parte di te...
    ... e con questa ti ho letto tutto assaporandoti un po' per volta...
  • Anonimo il 04/11/2007 23:02
    No io non vengo Riccardo, le armi mi fanno paura, provo a combatterla in altro modo la malvagità, forse con la mia ingenua stupidità, riuscirò a far credere ad almeno quelli che mi stanno vicino, che anche nel piccolo si può cambiare una parte del mondo.
    Anche se a volte per le cose che succedono, sembra che farsi giustizia da soli, sia la soluzione per pulire il mondo dallo sterco, ma non basta un fucile per scongiggere la cattiveria che imperversa, ci vuole ben altro, UNA BOMBA.
    Scherzo, neanche quella servirebbe.
    Ciao Riccardo, questa è una poesia datata febbraio 2007, mi sa che sei un po' cambiato da allora;sbaglio?
    Ciao Angelica
  • manuel carvaio il 03/11/2007 22:32
    bella e diretta bravo!
  • Romina Cesari il 01/11/2007 23:11
    ... non credo si possa cambiare il mondo... non piu'... a coloro che lottano per cambiarlo auguro con invidia... stima... ed infininita disillusa ammirazione di riuscirci... fatelo anche per quelli che hanno desistito da tempo.
  • Riccardo Brumana il 21/10/2007 21:18
    Gabriella, la sete di giustizia non si esaurisce mai!
  • Gabriella Salvatore il 15/10/2007 13:44
    c'è molta indignazione e sete di giustizia, voglia di cambiare le cose. È giusta la tua rabbia, sono millenni che le malvagità si ripetono, non bisogna mollare mai altrimenti sarebb la fine, bravo come sempre
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 16:07
    ab, fai solo ridere
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 15:37
    Franco, la poesia è del lettore... per me ha un significato. ma non escludo che altri ne trovino altri... o nessuno. grazie comunque.
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 15:32
    Pippo, grazie, mi fa piacere che ti sia piaciuta.
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 14:54
    Ab, fai troppo ridere
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 14:43
    Ab, mi fai troppo ridere
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 14:18
    Ti ha mai detto nessuno che ti comporti da bambino? ti comporti da bambino! ti richiedo cortesemente "anche se comincio a perdere la speranza" di scrivermi in privato se hai qualcosa da dirmi. e comunque sei tu che continui a venire da me, non sono io che vengo a cercarti, perciò finiscila tu di infastidirmi con queste insulse provocazioni.
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 10:38
    ora mi è più chiaro. basta polemiche e risposte per chi ha l'ultima parola però!
  • Riccardo Brumana il 15/09/2007 09:36
    Ab, non ho mai detto d'esser io a scivolare. se ti va di continuare la convrsazione ti pregherei di farlo in privato, poichè lo spazio sotto le "poesie" è stato fatto per esprimere l'impressione - sensazione che si ha avuto nel leggerla... cosa che tu hai già fatto. e noi non vogliamo fare polemica giusto?!
  • Riccardo Brumana il 14/09/2007 21:48
    Ab, che provocazione... mi scivola via.
  • Riccardo Brumana il 14/09/2007 19:24
    Ab, chi siamo; mi spiace ma ci appartiene. alla cieca? no ci vediamo benissimo, in tutti i sensi. grazie.
  • Riccardo Brumana il 14/09/2007 19:20
    Egon, è un invito a darsi una mossa.
  • Egon il 27/04/2007 00:50
    non capisco se è un consiglio a vivere o a non vivere
  • Annalisa Benevelli il 22/04/2007 08:31
    Bravo!!!!! mi e' piaciuta
  • laura cuppone il 03/04/2007 19:24
    non puoi sparare all'oscurità, alla malvagità... essa si manifesta attraverso le azioni, ma è solo dentro, impalpabile, inconsistente... non è la gente malvagia a priori, è il male che si può insinuare dentro la gente... e renderla odiosa... mamma mia stavolta hai un po' esagerato... ma come sempre sei forte. ciao
    laura
  • mariella mulas il 03/04/2007 11:51
    Anche "Cosa fare" è lo specchio del tuo malumore.
    Mi piace anche se devo dire un po' pericolosa come ricerca di soluzione.
  • Santina Luzzi il 30/03/2007 23:07
    L'idea che la malvagità possa essere cacciata con un colpo di fucile mi incupisce. La lettura delle prime strofe fa trasparire un messaggio pacifico che, però, si annebbia man mano che prosegue. Mi piace "vivo quando agisco". Ma... mi aspettavo un finale diverso! Ciao Riccardo
  • Tj R il 21/03/2007 21:02
    mi unisco ad un precedente commento... è celata un po' di mistero
  • celeste il 02/03/2007 17:06
    BUUUMMMMM
  • augusto villa il 02/03/2007 16:41
    Il fucile di per sè...è malvagità!!!
    anzi... è "l'interfaccia" che converte i buoni propositi in malvagità.
  • ESTER zaniboni il 02/03/2007 07:55
    Insieme a noi?... quanti sono i.. noi? credo molti, anzi tantissimi, quelli che non vogliono la malvagità. La malvagità non si cerca, la si vede, spesso la si tocca con le proprie mani, ed è questo che ci rende rabbiosi e vorremmo, spaccare il mondo in 2 da una parte la malvagità dall'altra l'altruismo. ed è allora che ci accorgeremo che la gente cattiva è molto meno di quella che ama.
  • antonella ninni il 02/03/2007 00:36
    mi piace anche se l'ultima strofa stona non è con il fucile che si distrugge la malvagità comunque bravo
  • Jina Sunrise il 01/03/2007 14:57
    con un sottofondo musicale soft da più l'idea! mai perdere il valore e la voglia di poter aiutare coloro che nonostante abbiamo una'arma sono sicuramente più fragili.
  • sara rota il 28/02/2007 22:08
    Poesia ricca di significato. Vedo il vero valore dell'amicizia, soprattutto nell'invito a seguirti per sconfiggere la malvagità e ritrovare la pace e la serenità. Bravo!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0