accedi   |   crea nuovo account

Apprezzerai

Non apprezzerai mai abbastanza,
quello che adesso
non puoi capire.
Chi ti aspetta
e si contorce le mani nel buio
se non ti vede tornare,
che corre alla porta
a ogni rumore
di passo sulle scale,
che respira il tuo respiro.
Tonfo del cuore,
sussulto di lancette,
i tuoi pensieri,
le preoccupazioni,
diventano zaini
che una mano invisibile solleva,
le tue gioie,
le tue conquiste
abbracci complici,
nel silenzio muto degli occhi,
di una lacrima di discrezione.
La vicinanza,
che supera le distanze,
di una porta sbattuta,
di un telefono che resterà
muto
quando avrai voglia di
chiamarlo e non esisterà
più numero
all'infuori di una preghiera.
Solo da genitori
si capisce la fortuna di
essere figli,
quando,
con rimpianto ti accorgi,
di non avere mai
apprezzato abbastanza.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • denny red. il 23/06/2010 06:02
    Laura.. pensieri.. figli.. l'amore di una mamma, hai scritto una bellissima!! poesia. bravissima!!
  • loretta margherita citarei il 22/06/2010 18:04
    forte, bellissimi versi
  • Simone Scienza il 22/06/2010 16:29
    Amore puro,
    supporto onnipresente,
    da gustare, valorizzare
    fino a

    quando avrai voglia di
    chiamarlo e non esisterà
    più numero
    all'infuori di una preghiera.

    Intensa come sai far tu... BELLISSIMA
  • Elisabetta Fabrini il 22/06/2010 13:47
    Condivido in pieno le tue apprensioni di mamma...è proprio così!! come sempre bravissima!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0