PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La vita

Scivolo
facilmente mi rialzo
e nuovamente ricado.
Fingo sulle labbra
un accenno di sorriso
rido schernendo il mio cuore
che illuso annega nel dolore.
Piango
senza lacrime versar
ma in un oceano di stille salate
io vivio.
Fingo ma vivo
scivolo ma rido
circondato da miliardi di sguardi
mi sento solo
ma forse non lo sono.
Fingo e rido
è la vita
che mi schernisce
è la vita
che veste il mio sentire
il mio desiderio di certezze
è la vita
che ancor mi nasconde la mia via.
E tra impercettibili
ma travolgenti onde
scanzo a fatica le più possenti
ma ugualmente annego
perdendomi tra quelle semplici
tra quelle a volte inesistenti.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

26 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 29/05/2011 12:52
    Molto apprezzata e piaciuta. Complimenti davvero!
  • michela salzillo il 06/05/2011 10:07
    Mi è piaciuta molto! Non mi deludi mai.
    La solitudine è dentro di noi, siamo noi gli artefici di essa spesso, si può essere soli anche tra la gente. Ti abbraccio!
  • Giacomo Scimonelli il 02/07/2010 08:21
    ylenia troppo gentile
  • ylenia 2010 il 01/07/2010 22:39
    bellissima, una pu bella dell'altra, te lo dico sinceramente!... complimenti di cuore!
  • Giacomo Scimonelli il 25/06/2010 18:12
    Maria grazie di cuore...
  • Anonimo il 25/06/2010 17:27
    Ogniuno di noi giacomo è solo per capirlo bisogna amarsi per non cadere negli altri sogni vivere con la nostra profondità regalando anche un sorriso a chi veramente crede di accettarlo come la tua sensibilità e un cuore nobile l anima ci porta a non lasciarci mai andare come tu sei un poeta ecco che i tuoi lettori ti sono vicini commentandoti riusciundo a colmare quel vuoto.
  • Giacomo Scimonelli il 23/06/2010 17:30
    Cristina... Grazie
  • Anonimo il 23/06/2010 15:26
    La vita siamo noi, noi siamo paura, tristezza ma anche gioia e serenità. Ma nulla è scontato, dobbiamo lavorare molto per arrivare in cima e prima di arrivarci dobbiamo traversare un oceano di ostacoli. Bellissima opera, bravo.
  • Giacomo Scimonelli il 23/06/2010 15:16
    Chiara a volte è dura... schernire la vita è quasi impossibile...
  • Giacomo Scimonelli il 23/06/2010 15:15
    grazie Cinzia gentile come sempre, Loreta grazie x la stesura eccelente
  • Anonimo il 23/06/2010 15:07
    Se la vita ti schernisce, scherniscila tu. Molto bella.
  • Cinzia Gargiulo il 23/06/2010 12:13
    Ti sembra di annegare ma comunque sia ti tieni a galla... certo è faticoso nuotare nel mare della vita ma l'istinto di sopravvivenza aiuta.
    (Anni fa scrissi a tal proposito delle riflessioni dal titolo "come un naufrago", se ti va puoi leggerle).
    Finchè cadi e ti rialzi va bene... diciamo che rientra nei "normali" percorsi di vita...
    Ah bè... qualche ferita per le cadute è inevitabile...
    Bella ed intensa introspezione.
  • Anonimo il 23/06/2010 11:55
    La vita è illusione, nel senso che siamo agenti passivi, spetttatori che recitano a soggetto, ma distanti dalla rappresentazione stessa, senza coglierne la sostanza. Riflessione profonda, dalla stesura eccellente e densa di metafore significative.
  • Giacomo Scimonelli il 23/06/2010 10:38
    cosa posso dire... grazie per i vostri commenti... grazie a Francesca La Torre, Francesca Cuccia, Manuela, Laura e Claudia... grazie di cuore
  • laura marchetti il 23/06/2010 07:41
    molto bella... in mezzo ai flutti della vita... sei molto bravo
  • Manuela Magi il 22/06/2010 22:25
    Anche dalle tue parole emerge una sorta di unsicurezza profonda. pensi di essere solo forse perchè vuoi emarginarti per riflettere sugli ipotetici errori commessi.
    Risalta molto il "caos"che ti avvolge, i margini di una vita che ti offende e poi ti gratifica nello stesso momento.
    È in questa occasione che si è costretti ad indossare maschere di comodo, per non esporsi e diventare fragile.
  • francesca cuccia il 22/06/2010 20:47
    Bellissimo cuore il tuo, complimenti si sempre forte.
  • claudia checchi il 22/06/2010 18:25
    Giacomo hai un animo talmente nobile, pieno di sensibilità, che traspare in tutti i tuoi scritti...
    parole toccanti come codeste, fingo ma vivo, scivolo e rido.è la vita... grande!!! ciao
    claudia.
  • Francesca La Torre il 22/06/2010 18:08
    non bella, bellissima, traspare un animo sensibile che lotta per non esserlo ed e' per questo che finge di vivere e poi ricade... come ti capisco!
  • Giacomo Scimonelli il 22/06/2010 18:02
    troppo buona loretta
  • loretta margherita citarei il 22/06/2010 17:44
    bei versi, intensa tristezza, piacita molto, complimenti
  • Giacomo Scimonelli il 22/06/2010 15:52
    grazie Ignazio mi lasci senza parole
  • Giacomo Scimonelli il 22/06/2010 15:45
    grazie Margherita e Bruna... gentilissime


  • Aedo il 22/06/2010 15:44
    La tua poesia è bellissima e mi sono ritrovato pienamente: ti scruti dal di dentro attraverso un'analisi esistenziale molto incisiva e profonda. Bravissimo!
    Ignazio
  • B. S. il 22/06/2010 15:34
    Bellissima e profonda introspezione
    tra i dubbi e le paure che tutti prima
    o poi attraversiamo.
    "Le paure reali sono meno tremende di quelle immaginarie"
    Shakespeare
  • Anonimo il 22/06/2010 15:20
    è quella che chiamo "The climb", la salita. Mi sono molto ritrovata nelle tue parole. Complimenti!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0