PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Forse un altro, non io

Amore, passione, desiderio, ansie:
siamo travolti da sentimenti
che ci trasformano
e ci conducono lontano
da noi stessi.
Poi... la fine.
Più nulla.
E sembra
che niente sia finito,
che nulla fosse incominciato.

Restano, è vero,
i ricordi.
Ma sono così sbiaditi
da sembrare falsi, immaginari.
Ed il dubbio nasce
che forse un altro,
non io,
abbia tanto amato
e tanto sofferto.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 23/06/2010 17:32
    Straordinaria... in particolare la seconda strofa mi ha colpito... amore=sofferenza... un po'come Baudelaire... ottima 5 stelle
  • loretta margherita citarei il 23/06/2010 17:04
    l'ho provato anche io questo, bellissima
  • Anonimo il 23/06/2010 13:45
    Molto bella e condivido il tuo pensiero... nel tempo tutto cambia e noi, sopratutto! A stento ci si riconosce ricordandoci... chissà quanti io abbiamo lasciato lungo il nostro percorso e quanti ne raccoglieremo ancora!!!
    Bellissima!
  • Anonimo il 23/06/2010 13:21
    No, non credo Fabricio, quei ricordi all'inizio come punte di spilli feriscono e
    lasciano una traccia di sangue, poi rimangono le cicatrici ma se con un dito
    le tocchi si sentono anche se non sanguinano più...

    Bellissima riflessione..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0