PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La casa dei silenzi

In preda al suo sogno
un uomo t'aspetta.
Senza orgoglio
selvaggio
le mani che afferrano
un'assenza spietata
il tuo odore disperso.

La sua casa respira
mille cupole azzurre.
Nelle mura di paglia e argilla
raccoglie carezze e sostanze.

La sua mano
al centro del tatto
si sveglia con la tua bocca.
Lo sguardo assopito
ascolta il tuo respiro.

Ed è rosso damasco
danza selvaggia
è nero negli occhi
di passione e di fuoco
sotto il cielo che culla
la menta e le more.

Lacrime e gigli come ricordi
sbocciano e schiudono al filo di luna.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Luca Oberti il 26/08/2015 17:05
    Che bella, complimenti, emozionante ed intensa: Con linguaggio delicato, parli al cuore, arrivando a fare udire la tua voce all'anima...
  • Rosarita De Martino il 27/07/2010 07:56
    Ecco, tu sai descrivere i "silenzi dell'anima" che parlano al cuore.
  • Dolce Sorriso il 08/07/2010 13:52
    wow Danilo... mi piace il tuo sentire descritto in questa bella poesia.
  • Elisabetta Fabrini il 07/07/2010 21:43
    bellissima anche questa... molto soave e delicata!
  • Anonimo il 06/07/2010 15:18
    Poesia malinconica, ma molto bella. Bravo Danilo!
  • Danilo Carli Stranich il 06/07/2010 12:17
    grazie marcella e grazie aurora.. gentilissime davvero.
  • Anonimo il 06/07/2010 12:04
    bellissime immagini.. complimenti
    otima la chiusa..
  • marcella vitelli il 06/07/2010 11:38
    Splendida. È la prima tua poesia che leggo e ne resto molto colpita. A presto rileggerti e con tanto piacere, Marcella
  • Dark Side il 24/06/2010 18:17
    bella, soprattutto per le immagini evocate
  • loretta margherita citarei il 24/06/2010 16:12
    bellissima, incantata

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0