accedi   |   crea nuovo account

Un sogno

Una ragnatela intessuta di fili d'argento
e l'eterea rugiada del mattino
sono la voce acuta di una rinascita
fin troppo attesa
e a lungo desiderata
con grande furore.
Ma una sinistra risata
mi risvegliò dal torpore
e riaccese in me
l'antico desiderio del mare
e di quelle terre imperiture
dove torneranno gli antichi alberi
e la beatitudine intreccerà
con fili di seta
il fato che si compie.

 

1
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Sergio Fravolini il 11/08/2010 15:15
    " fili d'argento" otima descrizione. Mi piace.

    Sergio
  • Anonimo il 27/06/2010 00:53
    strepitosa da trattenere nei preferiti
  • Falco libero il 26/06/2010 17:07
    Bellissima travalica molteplici tonalità , ottima chiusura: il fato che inevitabilmente segue il
    suo percorso.
    Molto bravo
    Saluti
  • Anonimo il 26/06/2010 15:07
    Il mare è un forte richiamo alla vita... è da lì che ci formiamo, all'interno della mamma che porta dentro il mare e noi piccoli pesciolini poi iniziamo a trasformarci in esseri di terra... ma la malinconia rimame...
    Molto bella Dark
  • Anonimo il 26/06/2010 13:51
    Il desiderio di mare e del viaggio. Il mito di Ulisse che vuole andare sempre oltre a scoprire nuovi mondi e nuove terre "per seguire virtude e canoscenza". Bella
  • Vincenzo Capitanucci il 26/06/2010 11:44
    Splendida Dark... una acuta voce di rinascita... mi riporta... ad un antico desiderio di mare... a sapore di imperiture terre... dove crescono intrecciati di beatitudine... le radici di imponenti alberi di vita...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0