PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

I miei sogni non sono colorati

I miei sogni non sono colorati
e nemmeno sono in bianco e nero
Sono fatti di uno scuro sfumato
che si muove in un camino spento

Li libero e conservo, questi sogni
di pulcino spennacchiato
liberi di razzolare
e conservati come pelouche
che non crescono, pur nutrendosi
golosamente dei vermi del passato

 

0
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 12/09/2013 09:52
    Un serto de lauro per questa tua sublime!

7 commenti:

  • ELISA DURANTE il 31/10/2010 15:44
    Non so se parli di sogni notturni o sogni ad occhi aperti, ma spero proprio che si tratti dei primi... Comunque, abbastanza inquietante...
  • giusi boccuni il 13/07/2010 00:59
    mi piacerebbe interpretarli questi sogni, svelarne la veste simbolica... che resta mistero, malinconicamente ed orgogliosamente chiuso nella torre d'avorio, dove nessuno può vedere e smuovere dall'autocompiacimento di un pasto cannibalico del proprio passato
  • Giuseppe ABBAMONTE il 28/06/2010 19:23
    Nicola
    i sogni non possono crescere se nutriti di soli vermi del passato.
    Per crescere hanno bisogno di abbeverarsi ad una fonte pura di luce, di futuro, di speranza e di ottimismo.
    Lascia che lo facciano e vedrai che acquisiranno subito colore, un rosaceo colorito, salubre e forte. E genereranno figli e nipoti che, sogno dopo sogno, daranno eterno vigore ad un intramontabile arcobaleno. Da sogno...
    E il primo sogno, quello più vicino e più importante, si realizzerà presto. Allontanando per sempre i vermi del passato.
    Un abbraccio affettuoso
    Giuseppe
  • Anonimo il 27/06/2010 17:18
    .. cìe dentro una parola che non sento.. perche' tu la nascondi..
    helga
  • Nicola Saracino il 27/06/2010 01:23
    Un abbraccio a te, Vincenzo, ed un raro grazie ad E. Nicola
  • Anonimo il 27/06/2010 00:24
    Tu hai scritto quello che non vuoi ricordare, che non sei disposto a incontrare. Mi sto consultando con i tuoi versi: tu cerchi di imbrogliare i tuoi versi, ma non imbrogli te stesso e neanche l'altro... E
  • Vincenzo Capitanucci il 26/06/2010 23:42
    Il pulcino avrà una crescità fulminante... l'importante è che continui sognante a nutrirsi di tutti i vermi passati...
    Trasparenze di un incolore..
    un caro saluto Nicola...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0