accedi   |   crea nuovo account

Gelsi

Il mio ultimo delitto
non fu perfetto
poichè restai in trappola a lungo
senza nascondermi

Quando si crede nell'innocenza
quando si pensa possa appartenerci
é quello il momento in cui si può uccidere
consapevolmente...

Pertanto
voglio la dose di nausea
quella di asma
quella di un letto
disfatto
quella del legno alla deriva

Non verrai mai
a prendermi
nel bosco fitto
che ho dipinto per te
e forse salperò
stanotte
dalla tua siepe
di gelsi

Non verrai mai
nel ventre di balena
non sarai ingoiata mentre guardi
dalle fessure verde rame
che una pozza si riempia
e sprofondi in mare

Nessun capestro spezzerà
il mio collo
ma sarò libagione per rostri
e poi
bambola di pezza
su un marciapiede di vimini
a fumarmi
i sogni

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • laura cuppone il 30/06/2010 20:27
    ringrazio tutti per i profondi e preziosi commenti...

    X dolce:... non é involontario il delitto ma consapevole e puro.

    bacio a tutti!
    Lau
  • Dolce Sorriso il 29/06/2010 22:20
    è vero Laura... a volte si può uccidere involontariamente...
    bella poesia
    smackkkkk
  • Guido Ingenito il 28/06/2010 03:25
    ehi Lau, leggo dei cambiamenti nella tua vita - le tue poesie sono sempre entusiasmanti, in questa mi perdo e mi ritrovo, in continuazione. Sembra scritta dopo una serata all'Antichrist
    a parte gli scherzi. Bellissima. "è quello il momento in cui si puà uccidere consapevolmente". fantastico

    Guido
  • giusi boccuni il 28/06/2010 00:38
    questi gelsi, un frutto un po' amaro..."Quando si crede nell'innocenza
    quando si pensa possa appartenerci
    é quello il momento in cui si può uccidere
    consapevolmente..." Verissimo
  • Marta Niero il 27/06/2010 18:27
    viaggio nell'abisso, del tempo, dell'anima, di un'epoca
    a volte passo a volte rasoio.
    bellissima
    baci mami
    M
  • Anonimo il 27/06/2010 16:14
    Meravigliosa
    T A
    Angelica
  • Anonimo il 27/06/2010 15:30
    Non verrai mai nel ventre di balena... che frase! Brava.
  • Sergio Fravolini il 27/06/2010 12:14
    Una bambola di pezza... e tanti perché.

    Sergio
  • loretta margherita citarei il 27/06/2010 11:26
    significativo quel ventre della balena, poesia molto sofferta, molto bella
  • giuliano paolini il 27/06/2010 10:41
    deliri e grandezze si mescolano nell'intimo
    come puoi fermarti a giudicare l'assassino con giustizia se non hai tentato almeno in sogno di squartare chi ti fa ombra chi ti toglie le incertezze che sono il sale del tuo cammino, cara dolce amica è la vita che ci propone le sfide più intriganti quelle con le paure le miserie che sanno trasformarsi in volo, ma quando il decollo succede poi non possiamo fermarci a raccontare, è il solo cruccio, il piacere dell'andare impedisce altre divagazioni. buon volo e addio con tutto l'affetto possibile
    non tornare per non spegnere il vero che nasce.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0