PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Due secoli

Oggi, giorno di fine maggio, ora
di pieno pomeriggio, si fluisce con questa
insistente pioggia, sembra che un messaggio
voglia mostrarsi con intrigo, bellezza, persuasione.

Acqua- fuoriuscita dalle nuvole-
perché mai vorresti farmi male,
perché vorresti far soffrirmi,
trasferirmi al luogo in cui potrebbe
mangiare, dormire, studiare o
pensare - magari- la mia Musa.

Più l'asfalto del cortile sembra
sporco di acide lacrime,
più io rido e piango,
più ti penso, ho paura!

Vorrei porgere le braccia
sulla sinistra e la destra
della tua testa, e subito
la mia mente raggiungerebbe
l'estasi e il regno della pura
consolazione, quando a contar
rimangono due giorni
- due secoli-

 

1
2 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Nicola Lo Conte il 19/05/2013 11:32
    Bella l'immagine delle braccia a cingere il viso dell'amata... Mancano 2 giorni... ma sembrano 2 secoli!!!
  • Anonimo il 02/05/2012 15:32
    ... dalla prima
    all'ultima parola
    condotta
    con somma maestria,
    complimenti.

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0