username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Turno di notte

Carico e scarico
il mio fucile
è l'ultimo turno
- ancora notte -

Ma l'alba non è lontana
il camion è freddo
l'aria gelida
riscalda il mio alito

La velocità accorcia
taglia il respiro
rombo di motore
in lontananza

Sono solo
sull'altana deserta
spesso vetro
a trecentosessanta gradi
fuori solo buio
il fucile
è contro la porta di ferro
-appoggiato
la tiene chiusa -

C'è qualche spiffero
ricambia l'aria
viziata di fumo
di alito cattivo
buio e altezza
vento che fa tremare

Oscilla un poco
la struttura di cemento
sospesa nell'aria
come un vampiro
si trasforma in pipistrello

Due ore di silenzio
di solitudine
totale
prima dell'arrivo
del cambio
l'orologio non è fermo
lo sento ticchettare
sul mio polso nervoso
che pulsa forte

Le mani gelate
le accosto alla bocca

12

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • rosanna erre il 29/06/2010 23:16
    Paura d'aver paura... fa paura! Siamo nudi e fragili davanti alla paura, la paura fa vedere a noi stessi come siamo senza filtri, certe volte la cerco per questo. Nella paura siamo forse più simili tra di noi, forse quello che ci distingue gli uni dagli altri è il modo di reagire... alla paura. Ecco, la tua poesia mi ha fatto pensare a tutto questo, molto bella, ciao!
  • laura marchetti il 29/06/2010 09:41
    S T U P E N D A!!! Per un attimo ho provato ad indossare una divisa... sei fenomenale!
  • Anonimo il 28/06/2010 15:51
    è meravigliosa sal, mi mette addosso tanta angoscia, forse sono solo presa da brava spettatrice, ma riconosco in questo pezzo la tua bravura e la sua bellezza.
  • Anonimo il 28/06/2010 10:40
    Un monologo da rappresentazione teatrale, non trovo parole per esprimere la tua bravura, lo stato d'animo del protagonista che è impaurito e sorpreso. Descrizione lodevole della natura umana!
  • Anonimo il 28/06/2010 09:03
    Molto bella, bravo Salvatore...
  • Elisabetta Fabrini il 28/06/2010 08:29
    Coinvolgente... bellissima!!
  • Anonimo il 28/06/2010 07:59
    A guardia dell'incolumità aspetto finisca il turno di notte...

    Bellissima poesia Sal, ricordi di un tempo in cui si impugna un fucile e
    non si sa bene il perchè...
  • Vincenzo Capitanucci il 28/06/2010 07:26
    è l'ultimo turno... di una lunghissima notte... in questo mondo deserto senz'occhi
    nè compassione... vivo di apprensioni...

    Bellissima Salvatore..

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0