accedi   |   crea nuovo account

A mio figlio mai nato

Nel silenzio della notte ti chiamavo piano,
sussurrandoti "figlio mio",
e cercando con la mano un movimento
là, dove attendevi tranquillo il tuo tempo,
come nenia il cuore di mamma.

Ti ho aspettato pregando il cielo,
supplicando l'aiuto di Dio.
Ma oggi non sei qui tra le mie braccia,
oggi, non sei qui con me, piccolo mio.

Nulla ha potuto la tua mamma,
né io, piccolo uomo,
io bestia gemente,
nulla! nulla! nulla ho potuto...,
piccolo mio seme perduto.

Ora piango e mi dispero vanamente,
chiedendo ragione a quel Dio
rimasto lontano e indifferente.
A lui chiedo il perché di tanto scempio
e se quel che eri non è più niente

Non ho un nome con cui chiamarti,
non ho un luogo dove cercarti,
non ho un viso da ricordare,
nulla di te mi han lasciato,
nulla! nulla! nulla!
e inutilmente mi strazio
e maledico il cielo.

Ma dovunque tu sia,
figlio non temere,
mai cadrai nell'oblio!
perché ancora ti piango,
perché ancora ti amo,
perché ancora ora ti sussurro piano,
figlio! figlio! .. figlio mio!

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Don Pompeo Mongiello il 18/02/2016 08:38
    Triste, ma in questo spunta e vola un Angelo in cielo, da te ben concepito, almeno in poesia. Commosso, forse avrò scritto qualche fesseria, ma son sicuro che Ti aspetta.

2 commenti:

  • loretta margherita citarei il 28/06/2010 16:51
    commossa,
  • Elisabetta Fabrini il 28/06/2010 12:04
    Non ho parole... forse solo una: straziante!
    Dirti che la poesia è bellissima non credo allevierà il dolore...
    Un abbraccio
    Ely

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0