PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tentazioni di carne

Eri terra di pelle di nessuno,
gettata sopra il letto
dal respiro del sonno,

un bianco-trasparente di lenzuola bagnate
non riduceva più la tua immagine
all'abitudine del mio pensiero,
ma sporgeva coi tuoi seni
a tentare gli occhi miei
nel rivolgersi alle mani
per toccarli.

Per entrare nel silenzio del tuo corpo
doveva gocciolare sullo specchio
il riflesso che dall'altra parte gocciolava
senza contatto, ma
le dita non vogliono ciò che non riescono a toccare.

Così dovevano rinunciare a te
dall'altra parte del velo, oppure,
cominciare a cercarti nelle fessure di stoffa,
sfiorarti dovunque eri,
lasciarti residui di tocchi
a riscattare le più basse voglie
del mio corpo.

Lo spazio procedeva verso l'imminenza di un peccato.

Ingoiando la paura
con la lingua asciutta
per non indebitare il silenzio
di rumori,
mantenevo i tuoi segreti di carne
svelandoli.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Riccardo Brumana il 04/03/2007 03:26
    peccato per la mancanza di rime, comunque buona.
  • sara rota il 04/03/2007 02:01
    Romantica e ricca di passione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0