PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Medioevo

Quando il mondo era più giovane di vari secoli
Su una scogliera lambita dal vento i crociati si distesero a dormire
Senza nessuna certezza nell'avvenire se non quella di aver dato un senso ai propri atti
Il loro sonno sembra per questo più dignitoso
Le loro palpedre socchiuse si elevano umili al cielo
Le loro forze ruvidamente abbandonante all'imprevedibilità delle intemperie
Al crudele destino di un assalto o al divampare di un rogo
Ma essi devono riprendersi per un'altra sfida
Senza sapere se rivedranno la luce del giorno dopo

Al gelo. al solleone, poco importa
Le bizzarrie della natura non turbano le loro viscere
Non temono la sua grandezza
Da essa si riflette l'ascesi del divino
Manifestazione di ciò che vi è di più incommensurabile

Non tutti s'assopiscono, qualcuno rimane in silenzio
Lo sguardo proteso verso Ofiuco
Ammaliato dall'unicità degli astri
Un senso di leggerezza lo pervade
Ora la sua essenza si fonde con il cosmo
In questo abisso trova l'estasi
E cade in un torpore profondo

Di nuovo in sella ai destrieri
Si apprestano a servire la loro missione
Fino in fondo, fino all'ultimo
Sicuri che i loro sacrifici non muoiano con loro
Coscienti che costituiranno un immenso disegno
Quello di difendere in terra il regno del divino
Presso coloro che lo chiedono

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • ELISA DURANTE il 10/10/2010 17:52
    Il Medioevo, il cielo stellato, i destrieri dei Templari... quando storia e natura diventano leggenda. Davvero piaciuta.
  • loretta margherita citarei il 30/06/2010 20:41
    molto bella
  • Sergio Fravolini il 30/06/2010 17:53
    ... forse è l'oggi siamo proprio nel medioevo.

    Sergio
  • Anonimo il 30/06/2010 11:59
    e' un piacere ritrovarti Linda.. lo sai che adoro leggerti..
    in questo viaggio che continua.. e continua.. nuove tracce dentro altre
    dissemi-nate.. c'e la speranza del cammino che ci scrive e in questo passare
    il testimone forse.. forse la nostra eternita'..
    un abbraccio carissima
  • Giacomo Scimonelli il 30/06/2010 10:50
    bella... piaciuta... il sogno di ogni uomo... lasciare un segno di se...
  • Anonimo il 30/06/2010 10:08
    Guardata da lontano, da l'idea di un racconto ma se la leggi piano piano,è tutta una poesia, dalla prima all'ultima delle parole. Da un piacevolissimo stato di speranza.
    Speranza che sia tutto vero. Che noi siamo solo di passaggio, in questa vita ma che essa ci da l'opportunità di segnare il destino e diventare eterni.
    Bellissima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0