PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia parodia del Montale

Semplicemente spiove per trasalire soltanto,
nel limine luglio di logorante calore
postumi dalla bufera sbocciano fiori d'acanto.

Un inquieto meriggio a fumare,
leggendo Montale
con la sua presa a male...
... Costretto a rimare
... inventandomi il mare...

Il fenomeno della natura imperfetta:
nel pozzo stramazza l'upupa ignara
del cavallo che nella riviera si infetta:
un colpo d'amara lupara.

La turbolenza dell'animo informe
di miele e d'assenzio ubriaca ed inerme.
Una rotonda che affonda...

Non chiedetegli niente al poeta deriso
dalle lische di pesce che vomita l'onda
un girasole giallino
fantasmagorico in viso,
piange,
a capo chino.
S'infrange.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Anonimo il 02/07/2010 00:36
    non amando particolarmente montale devo dire che la tua poesia mi piace ben scritta piacevole e ironica
  • Emanuele Ramundo il 30/06/2010 17:39
    grazie... qui però lo prendo un po' in giro...
  • loretta margherita citarei il 30/06/2010 17:24
    bellissima, mi ha molto coinvolta nella lettura, mi piace montale,

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0