PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Inquietudine

Scoprii la radice dell'inquietudine
che agitava il mio cuore:
la linea dello sguardo
correva parallela alla terra,
spesso abbassandosi
verso di essa.
M'intrattenni col cielo:
trovai la quiete
a cui l'anima aspirava.

 

1
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Manuela Magi il 30/06/2010 22:30
    Si preferisce restare sospesi, sognare e non farsi ferire dalla ruvidezza della terra, si molto meglio.
  • Anonimo il 30/06/2010 19:57
    un ' inquietudine molto poetica. Molto bella!!!
  • marcella vitelli il 30/06/2010 19:40
    "Intrattenersi" con il cielo e trovare la calma e la serenità... versi ben scritti. Molto, molto piaciuti. complimenti.
  • Anonimo il 30/06/2010 18:48
    Il cielo... attira... sarà forse perchè ci lascia liberi di spaziare senza scontrarsi... solo armoniosi incontri con soffifci nuvole e leggere piume che in libero volo giocano. Il cielo ci regala colori e fantasie dolci... la linea di confine con la terra ci ricorda che tra materia e spirito c'è il nostro sguardo e la capacità di capire... sentire...
    L'inquietudine nasce da questa separazione.
  • loretta margherita citarei il 30/06/2010 17:19
    nei momenti tristi guardo sempre il cielo, bella riflessione.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0