username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un brivido lungo la schiena

Ci fu un tempo
in cui leggevo romanzi
e racconti dell'orrore
volumi
da riempirci
una stanza intera
e - confesso -
mi divertivano da morire
quelle storie
in cui nessuno rimane vivo

Godevo di quella suspence
che tiene sulle spine
e poi il macabro
l'indicibile orrore
quando il tempo
e lo spazio
perdono di significato...

Ci fu un tempo
in cui pensai
di scriverlo pure io
un romanzo
infestato da creature
che non sono di questo mondo

Esiste ancora una bozza
di duecento pagine
da qualche parte
sono sicuro
che se la cercassi con cura
non farei fatica a riportarla
agli onori della cronaca...

Furono anni
di folli letture
e di spettacolari voli
gli anni della musica metal
e dei capelli lunghi
troppo giovane
di sicuro
per capire
che sarebbe stato
solo un momento
che a distanza di tempo
ci avrei riso sopra...

Ci fu un tempo
in cui smisi
- quasi all'improvviso -
ma quegli anni
furono speciali
un sogno
che mi capita di riaccendere
di notte
specialmente
quando sento
che una porta cigola
senza averne alcun motivo

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • augusta il 30/01/2012 12:44
    non ci si ferma neppure un attimo per leggerla...
  • sara meneghello il 23/05/2011 07:53
    molto coinvolgente, bella, emozionante
  • Laura cuoricino il 06/07/2010 15:52
    Mi è piaciuta molto. Bella descrizione, coinvolgente! Ciao Salvatore. Cuoricino
  • laura marchetti il 02/07/2010 09:19
    ed ogni volta che ti leggo mi fai venire i brividi... dall'emozione
  • Manuela Magi il 30/06/2010 22:35
    Si fanno tante cose in gioventù, cose strane a volte che a ripensarci ci si meraviglia.
    Credo che ogni attimo vissuto abbia un posto ben preciso nella memoria, anche le sensazioni provate, come il brivido che regala la paura.
  • Elisabetta Fabrini il 30/06/2010 21:46
    Bella passione la tua.. il fascino del mistero, dell'imprevedibile... bravo!
  • Anonimo il 30/06/2010 20:32
    Ci fu un tempo... È quello delle emozioni, dei sogni ad occhi aperti, delle paure irrazionali che ci scuotono e che restano nel fondo. Stupenda riflessione!
  • francesca cuccia il 30/06/2010 18:34
    Mi piacciono questi generi di film ma, poi penso anche alla vita che uguale va avanti è mi fanno paura.
    Molto bella amico.
  • vincent corbo il 30/06/2010 18:29
    Anche a me è successo, film e romanzi thriller. Poi ho smesso perchè mi sono reso conto che certe cose succedono realmente magari a un passo dalla tua casa. È meglio vivere col cuore leggero finchè possiamo.
  • Maurizio Cortese il 30/06/2010 18:16
    Accurata descrizione di una passione giovanile, forse non del tutto sopita: bella.
  • Francesco Garofalo il 30/06/2010 17:37
    bravo piaciuta moltissimo
  • Anonimo il 30/06/2010 17:09
    A chi lo dici, avevo una paura... bella, come sempre.
  • Anonimo il 30/06/2010 17:07
    E quanti ne leggo... Thriller di ogni genere, la mia passione!!

    Bellissimi ricordi e di quelle duecento pagine che ne fai??
  • loretta margherita citarei il 30/06/2010 17:06
    damphir, il fumetto, l'ho letto volentieri, bei versi, come sempre super
  • Vincenzo Capitanucci il 30/06/2010 16:56
    Quanti ne ho letti anche io a 16 anni... Salvatore... e avevo tutta la collana di Dracula... bei orribili ricordi... si andava di notte a visitare case abbandonate.. con la tensione di vedere apparire un mostro assetato di sangue...

    Grazie mi hai portato in mente ricordi... si erano persi in una nebbia cimiteriale dell'essere... ed ora volano in fuochi fatuali... ululando... con ali di pipistrello...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0