accedi   |   crea nuovo account

uno di quei balli lenti

Lo vedi?
Sono stanca,
mi piove dentro,
non ho più riparo,
questo cammino mi ha svuotata.

Tu sollevami
e fammi ballare
uno di quei balli lenti.
Tienimi così
vicina alle tue ciglia,
alle rughe del tuo viso,
voglio scendere nel tuo sguardo
e chiudermi dentro,
mentre tu mi respiri addosso.

Lo vedi?
Ho un sorriso amaro,
gli occhi lucidi che però non piangono,
la malinconia si aggrappa dentro
e stringe i pugni.

Tu sollevami
e fammi ballare
uno di quei balli lenti.
Tienimi così
vicina alle tue ciglia,
alle rughe del tuo viso,
voglio scendere nel tuo sguardo
e chiudermi dentro,
mentre tu mi respiri addosso.

Balla in silenzio,
non fare rumore,
non spaventarmi l’anima,
lascia che il cuore ti riconosca.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Elena Ballarin il 06/11/2009 22:05
    davvero bella
  • donatella bellucci il 27/04/2008 15:36
    lasciarsi andare ma non troppo... ballare lentamente come per liberarsi poco a poco della sofferenza. molto toccante però non aver paura non chiuderti dentro basterà quello sguardo a proteggerti... con affetto donatella
  • Cinzia Gargiulo il 27/04/2008 10:47
    ..."Non spaventarmi l'anima, lascia che il cuore ti riconosca"... Tutta la poesia è bellissima ma questi ultimo versi sono toccanti.
    Ci leggo un gran bisogno d'amore ma nello stesso tempo una gran paura di essere ferita nell'anima per cui chiedi che il tuo cuore e la tua anima siano conquistate con cautela, dandoti la possibilità di imparare a fidarti poco a poco.
    Questa è la mia chiave di lettura ma non so se sia giusta.
    Un :bacio:
  • nicoletta spina il 24/04/2008 22:51
    bello questo ballo lento, la tenerezza, il sentirsi vicini in silenzio, lasciar danzare il cuore senza aver timore.
    ho ballato anch'io leggendoti e ho provato emozione! Brava
  • sara rota il 30/09/2007 19:49
    Il titolo mi ha fatto tornare alla mente il verso di una canzone di Luca Barbarossa "portami a ballare" dedicata da lui a sua madre... Bella poesia.
  • Antonello Gualano il 07/06/2007 09:13
    ballata bellissima e struggente, quasi il testo di una canzone. Non mancano mai la malinconia e la speranza nei tuoi splendidi versi. Un inno alla poesia anche per chi, come me, predilige la prosa. Voto: 9
  • VALERIA SALLUSTIO il 29/03/2007 12:32
    Bella e dolce, danzata sulle vibrazioni della paura! Mi piacciono molto i versi "mi piove dentro", "la malinconia mi si aggrappa dentro e stringe i pugni" e tutta l'ultima strofa. Grande!
  • Mauro Bianco il 20/03/2007 18:23
    Mi piace quel senso di momento magico che trasmette. Una musica lontana, una promessa bisbigliata e mantenuta nel tempo e nell’anima. È così che dovrebbe essere la vita. Complimenti
  • augusto villa il 05/03/2007 10:02
    Bellissima... Complimenti, è un piacere leggerti!
    Ciao!
  • Elena il 05/03/2007 00:36
    Bella ballata... la sento con una chitarra in sottofondo...
  • Riccardo Brumana il 04/03/2007 23:16
    bella bella bella, continua così

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0