username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Sotto la vita

Avevo la vita
sotto le ginocchia
- e più la tiravo
per le orecchie
e più lei s'accasciava -

Lo capii subito
che non aveva proprio voglia
di tenermi testa
così
da vero perfido
me ne approfittai
affondai l'ascia
e la calpestai
- lei si fece più sottile
sotto i miei piedi
diventò più umile
dell'asfalto -

Fu così che vidi la mia vita
lavata via dalla pioggia
- finì
dentro un tombino
lasciato aperto
per sbaglio
come il mio accanimento
di stamattina -

Sono pentito adesso
andrò a cercarla
nel buio delle fogne
ho torcia e stivali alti
porterò l'amore
dentro una scatola fradicia
di collera e di cioccolatini
che non sanno di niente
- troverò lei
o mi perderò nel fango -

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Paola Pinto il 13/08/2010 14:08
    A volte ci facciamo del male per sentirci "diversi" dagli altri, per toccare dove altri non hanno mai toccato... e a volte ci riusciamo pure!!!
    Mi è piaciuta molto!

  • Laura cuoricino il 05/07/2010 14:20
    Molto particolare la tua analisi, nonostante le amarezze la vita va affrontata e vissuta, magari andandosela a riprendere nel tombino!! Ciao. Cuoricino
  • denny red. il 03/07/2010 04:44
    ottima!! Salva! un analisi.. ben descritta.
  • Manuela Magi il 02/07/2010 23:20
    Bella Sal, quando si decide che vale la pena di viverla.
  • loretta margherita citarei il 02/07/2010 21:56
    bella riflessione, complimenti salva
  • Anonimo il 02/07/2010 17:13
    Pur calpestandola e trattandola male, basta fargli l'occhiolino e subito subito
    ci ritorna appresso, accompagnandoci felice...

    Bellissima Sal, versi che denotano consapevolezza delle azioni, giuste
    e sbagliate...
  • Maurizio Cortese il 02/07/2010 16:01
    Parecchi significati sono contenuti in questa poesia dal sapore un po' amaro; in filigrana scorgo anche un rimando evangelico.
  • laura cuppone il 02/07/2010 12:20
    ti scusi
    con lei, la vita, come il giardiniere per aver reciso dal suo roseto una delle sue rose preferite da tenere in un vaso...
    non credo che la vita condanni, nè che abbandoni..
    corri a prenderla.. ti aspetta o non ti ha mai lasciato.

    bellissima poesia poeta.
    Lau.
  • Anonimo il 02/07/2010 10:36
    Poesia piena di estro, fantasia e scritta da dio!!!!
    Bellissima
  • Fabricio Luiz Guerrini il 02/07/2010 10:19
    Molto ben scritta. Ai cioccolatini tornerà un po' di sapore, se avrai lafortuna di ritrovare ciò che hai perso nel tombino.
  • Anonimo il 02/07/2010 09:50
    Accidenti... meglio non litigare con te... addirittura l'ascia... bbbrrrrrrr...
    Lo sai che ti voglio tanto bene...
    A parte gli scherzi, la tua poesia mi è piaciuta molto, originale e sentita...
  • anna rita pincopallo il 02/07/2010 09:28
    bella poesia, bravissimo
  • Antonietta Mennitti il 02/07/2010 09:25
    Molto particolare Salva... Non litigare con lei, ma vivila con serenità!
  • Anonimo il 02/07/2010 08:48
    Capita a volte di non rispettare la nostra vita, accade in momenti di confusione in cui non riusciamo a trovare la nostra essenza, non riusciamo a regalarci il giusto rispetto. Bravo, è profonda e molto bella.
  • laura marchetti il 02/07/2010 08:36
    spesso ci capita di litigare con la vita, l'importante è rendersene conto prima che sia troppo tardi... la tua poesia è bellissima, fa riflettere e rispecchia la realtà, la tua vita è davvero fortunata ad avere te...
  • Elisabetta Fabrini il 02/07/2010 08:29
    Avverto amarezza, tristezza e sfiducia nelle tue parole.. o sbaglio? Cmq è molto bella... come sempre!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0