accedi   |   crea nuovo account

Assenze

Svezzata da assenze primarie
ho ceduto al vento che spira violento.
Allo sbando vitale essenza
ho abbracciato croce
senza chiedere perché.
Reclamata vita a me negata
e di scelte mai proferite.
Muta per l'altrui ragione
ed immotivata nella rassegnazione.
Notti intrisi di pianto e sonni insani.
negli infiniti talami ho atteso e mai ricevuto
innocenti carezze.
Reminescenze atte a destare antiche amarezze
ma ritrovar barlume nell'assoluta oscurità
è solo una speranza.
La vita mia principio è dell'infinito dolore.

 

1
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0