accedi   |   crea nuovo account

Mani tese

In un villaggio
del nero continente,
tra casupole fatiscenti
di terracotta e paglia,
mille mani
si tendono
a chieder
acqua e cibo.
Una città metropoli
che distante
non è,
con indifferenza
e sdegno
guarda
questo flagello.
Persino le ombre
di questi disgraziati
facendo fagotti
e fagottini
li hanno abbandonati
per lidi
più accoglienti.

 

4
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • denny red. il 03/07/2010 04:14
  • loretta margherita citarei il 02/07/2010 21:53
    bella, condivisa,è uno schifo enorme, lasciar morire di fame le persone
  • Donato Delfin8 il 02/07/2010 13:48
    OTTIMA DON.
  • Cinzia Gargiulo il 02/07/2010 13:32
    Poesia pienamente condivisa che denota la tua sensibilità.
    Ciao...
  • Anonimo il 02/07/2010 13:22
    È vergognoso come, la maggiorparte di noi, mentre viviamo tra agi e infinite inutilità di cui non riusciamo a fare a meno... mentre ci crogioliamo nelle nostre preziosissime case e ci commuoviamo a guardare film d'amore e ci facciamo rapire per ore da fiction e i "grande fratello", mentre ci esauriamo nell'indecisione di dove poter passare le nostre così meritate ferie... mani tese sperano ancora di ricevere qualcosa da tutti noi... esseri dai cuori così grandi e generosi che di fronte a immagini e scene così tragiche si limitano a girare canale... sono pochi gli angeli che vanno a riempire quelle mani... Bellissimi versi. Sentitissima!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0