PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Occidente

Ti ho visto e mi ha fatto piacere
come ai tempi andati oramai
ed ho visto lo stesso entusiasmo
di quando eravamo come frutti un po' acerbi.
Tu oramai vivi in Oriente
io sprofondato nel malato Occidente
e la domanda che pongo al mio inconscio
mi spaventa ma non ritrae le sue spire
sarà dunque vero ciò che guardinghi si mormora
di strani ed astuti complotti
orditi a spese di noi ignari plebei?

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Federico Montanari il 22/08/2011 16:16
    particolare... ma approvo!
    ciao
  • Anonimo il 29/08/2010 07:46
    Già, un occidente proprio malato, bravo mi piace...
  • - Giama - il 08/07/2010 21:43
    bella questa tua poesia... mi piace anche il ritmo che hai scelto...

    Molto bravo!
    GM
  • Manuela Magi il 07/07/2010 22:20
    Naturalmente in uno scambio di idee torna a galla il problema che attanaglia l'umanità.
  • loretta margherita citarei il 04/07/2010 05:21
    bella riflessione, originale
  • Glauco Rossi il 03/07/2010 21:53
    Grazie Laura, troppo gentile. In effetti entrando nel dilogo col mio vecchio amico mi sono un po' interrogato, istintivamente... Mah!
    Buona Domenica!!!
  • laura marchetti il 03/07/2010 21:09
    bellissima e colta riflessione... hai colto il senso di questa realtà dove il potere ama farsi circuire e spostarsi incurante di chi non gli può servire...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0