accedi   |   crea nuovo account

Amarezza

Con gelida perfezione
oramai scanzi le mie parole.
Con semplicità fredda
urli che di più non puoi fare,
senza lacrima versar
infierisci pugnalandomi al cuor
con frasi come un giorno mi pentirò.
Che senso hanno le mie umili parole,
versi in rima e ritornelli d'amor.
Le mie parole tanto amasti
quando vicino a te gondolavo
e di gelosia ti avvolgevo l'animo.
Astuta con inganno mi hai stregato
e adesso sei cupa
e non trovo
i tuoi pensieri a me accanto.
Perdonami, il mio cuore piange
e devo dire quello che non vorrebbe.
Perfida e maligna
con i miei immaginari paradisi
hai giocato.
Chissà quanto hai riso
quando eri al mio fianco!
Ma adesso stringo i denti,
mi levo innanzi a te
e con chiarezza,
ma finta freddezza, ti saluto
restando con il cuore lacrimante
perennemente in tempesta.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

22 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 12/07/2010 15:14
    ciao Maria Rosa... grazie
  • Maria Rosa Cugudda il 12/07/2010 14:51
    opera triste, ma ricca e profonda, molto apprezzata!!!
  • Giacomo Scimonelli il 11/07/2010 08:16
    grazie Cinzia
  • Cinzia Gargiulo il 08/07/2010 00:40
    Dolore profondo, delusione e amarezza emergono dai tuoi intensi versi.
    Bellissima poesia!
    Buona notte!...
  • Giacomo Scimonelli il 06/07/2010 19:21
    grazie a tutti... gentilissimi
  • Falco libero il 06/07/2010 15:32
    Un anima nobile profondamente ferita ma fiera.
    Bravissimo Giacomo
  • Paola Pinto il 06/07/2010 13:54
    Chi ha un animo gentile non potrà mai essere freddo per natura ma solo per forza di cose.
    Bella, mi è molto piaciuta
  • Manuela Magi il 05/07/2010 23:19
    È necessario a volte prendere delle decisioni, pur se fanno soffrire.
  • Fernando Biondi il 05/07/2010 19:04
    poesia apprezzata e,
    pienamente condivisa
  • Dolce Sorriso il 05/07/2010 14:38
    si persone sbagliate che ci creano illusioni ci amano... certo a modo loro
    se si può chiamare AMORE...
    poi il vuoto, il nulla e niente più...
    smackkkk Giacomo
  • Giacomo Scimonelli il 04/07/2010 21:22
    grazie Laura... aspetto sempre un tuo commento... grazie a tutti
  • laura marchetti il 04/07/2010 21:17
    Troppo spesso ci si fida delle persone sbagliate, delusione respirabile e tangibile... sono con te, sei bravissimo
  • denny red. il 04/07/2010 20:26
    .. perfida e maligna con i miei immaginari
    paradisi hai giocato.
    bella!! Giacomo, bei versi!
  • Anonimo il 04/07/2010 18:48
    Forse sei un po' ingiusto.. "Chissà quanto hai riso quando eri al mio fianco"...
    Comunq ottima espressione della tua amarezza
  • Anonimo il 04/07/2010 18:13
    Molto significativa la tua poesia per la tua sensibilità descrivendo il dolore e la sofferenza per chi senti di amare.
  • claudia checchi il 04/07/2010 17:55
    con un cuore lacrimante, sempre in tempesta... leggendoti si avverte tutta la sofferenza..
    ciao Giacomo amico..
    claudia..
  • Anonimo il 04/07/2010 14:50
    Perdonami ma il mio cuore piange...
    un grido di dolore, il veleno di una delusione che prende consistenza come dolce fluido ancora d'amore... agonizzante e ferito...
  • Fabio Mancini il 04/07/2010 11:21
    Struggente e verosimile. All'ottavo verso dovresti correggere l'anno (anno solare, anno sacerdotale e via dicendo) con hanno (voce del verbo avere). Un saluto, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 04/07/2010 10:10
    molto malinconica e sofferta bella
  • Anonimo il 04/07/2010 09:50
    E risollevo l'anima in un urlo di dispiacere con il cuore straziato ma con la
    voglia di lottare...

    bellissima Giacomo...
    buona domenica
  • Anonimo il 04/07/2010 08:55
    I tuoi urli di dolore straziano il cuore... e come sempre bellissima opera.
  • Antonietta Mennitti il 04/07/2010 08:48
    5 stelline tutte per te. Le merita.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0