PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Mille primavere

Invidio l'oscura luce
che ti risveglia
e come un uomo stanco
annuso la quiete nell'aria.

Dopo il nulla
i primi mattini d'autunno
dove tutto sembra
solo polvere.

Guardarti
un piacere diverso dalla gioia
simile alla luce
di primavera.

La bellezza del mortale infinito
e la solitudine della grandissima immensità infinita
e forse...
è troppo tardi per toccarti.

 

2
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • laura marchetti il 04/07/2010 21:06
    delicata come una carezza
  • Anonimo il 04/07/2010 18:04
    Le carezze migliori vengono dall'anima e si fanno con l'anima... bellissima.
  • loretta margherita citarei il 04/07/2010 17:29
    molto bella
  • Vincenzo Capitanucci il 04/07/2010 14:44
    guardarti è un piacere diverso dalla gioia...è essenza di vita...

    Molto bella Sergio... forse per abbracciarti...è già troppo tardi... o forse no...
  • Antonietta Mennitti il 04/07/2010 14:09
    Mi piace!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0