accedi   |   crea nuovo account

Pioggia a Milano

Infinite gocce trasparenti cadono dal plumbeo cielo autunnale,
marciapiedi bagnati con nere pozze lasciano i bimbi giocare.
Pensieri acquosi e silenziosi scivolano nelle menti dei passanti,
urtano e corrono bagnati di tristezza e grigiore.
Sporche auto scivolano via schizzando le paure,
infangando le angoscie di un domani soffocato dall'ansia dell'incognita.
Cupi fantocci senza ombrello fuggono e si spintonano
tra le macerie di questa decadente sobrietà.
Quesiti evasi dal fragore dell'acqua
rispondono all'unisono al pianto silenzioso della donna trafelata.
Nera maschera cola dagli occhi
illusa dalla pioggia segnata dalle lacrime,
pallore contrasta la sfida dello scuro,
che ricopre la purezza del bianco candore.
Tremori di freddo, paura della morte,
senso di un giorno senza luce,
in questa metropoli senza speranza.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Anonimo il 15/04/2012 23:51
    Una Milano vista con occhi diversi dai miei. ***** Mi piace. Franco
  • laura cuppone il 14/11/2008 23:09
    decadentista..
    non mi piace molto questo stile ma...é ben scritta e in un contesto che si presta... anche a questo.
    ciao
    Laura
  • Andrea Borio il 10/06/2008 13:04
    sembra incredibilmente un quadro di Munch, "Sera nel corso Karl Johann".
    Espressionista e trasfigurante. Complimenti!!
  • sara rota il 21/03/2007 21:31
    Piuttosto cupa, ma interessante...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0