accedi   |   crea nuovo account

L' otto Marzo

L' otto Marzo,
quanta tristezza,
il ricordo di un bagliore infernale,
quante vite interrotte,
quanti sogni svaniti.
Lì, dentro una fabbrica,
sono rimasti i cuori delle combattenti
e fuori le lacrime amare dei loro cari.
Quanti innocenti orfani,
che hanno aspettato invano
il sorriso della loro mamma.
Tanta voglia di vivere,
tanto coraggio,
ma di quel dì solo una cosa rimane:
una mimosa.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

14 commenti:

  • Vincenzo Renda il 26/12/2010 21:55
    andrebbe letta ogni volta che qualcuno usa questo giorno per divertirsi.
  • carmela russo il 18/06/2008 21:19
    molto molto sentita brava
  • Marco Vincenti il 24/10/2007 22:17
    Non ci sono parole per commentare un dolore cosi forte! Ma il modo in cui è descritto va apprezzato. Molto bella
  • Giovanni... il 02/07/2007 16:47
    Ricordi che meritano almeno un fiore per il dolore che hanno lasciato in ogni piccolo cuore mai consolato………
  • NICOLA RICCHITELLI il 30/04/2007 17:57
    per me questa è una festa un tantino ipocrita
  • Sandrino Aquilani il 27/03/2007 16:45
    L'8 marzo serve per ricordare, ma soprattutto per crescere. Auguri e complimenti.
  • miryam maniero il 09/03/2007 21:34
    tutto giusto quello che dite ragazze, però da quella tragedia qualcosa per i diritti delle donne si è poi mosso... e allora vale davvero la pena ricordarlo... e sempre nella nostra quotidianità, nel chiedere e pretendere rispetto, nel non accettare per prime noi di diventare "banali" o almeno facciamolo solo quando lo vogliamo noi, cerchiamo di non essere "strumento di consumo" imponiamoci, perchè cè ancora tanta strada da fare per noi donne, anche qui nel nostro bel paese, non sarà un caso che la violenza sulle donne è in maggior parte tra le mura domestiche, questo ci deve far riflettere parecchio... io credo sia la cultura che deve arricchirsi perchè in questi ultimi anni si è impoverita molto, danneggiando con tutti questi idioti spettacoli televisi la figura femminile negando identità e dignità, per non parlare dei contratti precari e quanto siamo penalizzate sul lavoro, tanto più se abbiamo figli e quanto ancora la politica deve fare con più servizi e aiuti per le donne... insomma credo che il cammino sia ancora lungo, e ognuna di noi deve fare il suo pezzettino prendendo coscenza di ciò che siamo, di ciò vogliamo e di quello che possiamo ancora fare per migliorare questa società bigotta e "sempre molto maschia"...
    perdonate le troppe righe... ciao alessia, ciao al poe
  • alessia soro il 09/03/2007 11:28
    Secondo me, la festa della donna non ha alcun senso. È un anniversario che con il passare del tempo ha assunto tutto un altro significato, a parte l'aspetto commerciale, ma ti sembra giusto che le donne per andare a mangiare una pizza con le amiche, debbano aspettare l' otto Marzo?
    Lo trovo alquanto ridicolo e triste!!!
  • alessia soro il 09/03/2007 11:20
    Allora se tutto secondo te è commerciale va bene così!!!!
  • alessia soro il 09/03/2007 09:06
    Mi dispiace veramente ma a me sembra che si sia completamente dimenticato il significato dell'otto Marzo. Ormai è diventata una festa comerciale, gli uomini spendono soldi per delle mimose inutili, mentre le donne la sera si trasformano e vanno in giro per i locali a far che cosa... ma!!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0