PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ma Dio non è più solo

Un giorno un Dio sofferente,
pianse di solitudine,
e nacque da una lacrima il creato.

Siamo figli del dolore,
nati per piangere e soffrire,
fatti per dare amore
a quel Dio ormai appagato.

 

2
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 07/07/2010 20:49
    Dio è appagato se l'uomo è appagato. Quante allegre giornate potremmo ancora dedicargli. Ma il dolore a volte è più forte.

    Ciao.
  • Danilo Carli Stranich il 06/07/2010 09:57
    dio piange di dolore e crea il mondo.
    perchè non piange più, con tutte le brutture degli uomini? le guerre, le violenze, le sopraffazioni?
    dio è morto, come dice guccini?
    forse è appagato, come dici te, e fa male.
  • rea pasquale il 06/07/2010 09:41
    bella poesia sulla consapevolezza del dolore.
    Ciao
  • Tiziana La delfina il 06/07/2010 08:02
    riflessione apprezzata, ma che meriterebbe approfondimento, bravo
  • vincent corbo il 06/07/2010 07:37
    Una poesia coraggiosa perchè nasce da una realtà presunta, anche se a mio avviso è una visione troppo restrittiva di un concetto che si apre a molteplici riflessioni.
  • loretta margherita citarei il 06/07/2010 06:26
    il dolore fa parte della vita, non credo che Dio abbia creato l'uomo per farlo soffrire, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0