accedi   |   crea nuovo account

Malinconia

Seduto sulle soglie della notte
una tetra riflessione
si batte con le oscure visioni
figlie della rubiconda bottiglia.
Il buon demone
danza con la vetusta saggezza
ma la solitudine cresce sempre di più
come ventre gravido.
Un re straniero giunge con un malconcio esercito
alle porte del mio animo
chiedendo a gran voce
la testa del prepotente sentimento
che tiranneggia
e dilania la mia fragile pelle.
L'universo è colmo
di un'eterna inquietudine,
l'universo si annienta
nei occhi di lei
e nella sua eterea persona.
Il fragore infernale della battaglia di sempre
sconvolge l'intricata foresta,
dove si annida
nascosta come preda che fugge,
la mia lontana felicità
e il mio animo vecchio di secoli
tenta di evadere
dalla grigia prigione
dei neri pensieri.
Ma nient'altro riesco a fare
se non urlare parole silenziose
e volgere lo sguardo
verso un orizzonte di fuoco.
La Bellezza mi porge la sua bianca mano
tentandomi
e cercando di condurmi nella sua fanghiglia
ma non mi fido dei suoi grigi e falsi occhi
e della sua maschera di diamante
che cela mostruose fattezze
e rimango così
affogando nella mia malinconia.

 

1
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Sergio Fravolini il 11/08/2010 15:29
    " affogando nella mia malinconia " ...

    Sergio
  • Federico Ghillino il 10/07/2010 23:22
    Complimenti davvero una bellissima poesia
  • loretta margherita citarei il 07/07/2010 06:40
    v'è sempre una punta di malinconia in ognuno, bei versi
  • Anonimo il 06/07/2010 23:42
    nella malinconia l'uomo impara a conversare con se stesso e si riscopre fragile... la tua poesia evidenzia in modo superlativo queste fragilità... molto bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0