PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Grillo parlante

Ho una lingua lunga 10 metri,
come un rottolo di pergamena
stretto da un elastico.
Arrotolata sta bene al posto suo,
ma se la sleghi diventa drastica.

Troppe parole pungenti e ripetitive
saltano fuori in un disordinato eseguire.
La voce della coscienza parla e rimprovera,
insegnando la vita in nome di prudenza.

Parlo in codice, che non da tutti
può essere decifrato.
So bene, che la mia lingua slegata
più di qualcuno sulla mia strada
ha infastidito e ha annoiato.

Infastidisce tutti persecutori
del paese dei balocchi,
dove non ci sono regole
e ci sono solo giochi.

Ho troppa paura
di diventare l'asino,
con le lunghe orecchie,
ascolto la voce della mia coscienza
e la ascolto parecchio.

Non amo andare in giro
per non essere provocata,
è meglio per e per gli altri
se la mia lunga lingua rimane legata.

In fondo non è poi così difficile
riuscirmi a sopportare,
si può discutere e confrontarsi,
ma la cordialità e la diplomazia
mai debbono mancare.

 

2
9 commenti     2 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

2 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 24/10/2016 11:31
    apprezzata... complimenti.
  • Alessandro Moschini il 21/06/2013 16:44
    Splendida. Non bisognerebbe mai avere peli sulla lingua.

9 commenti:

  • Don Pompeo Mongiello il 10/07/2010 09:50
    Bella, divertente e costruttiva. Complimenti!
  • Fernando Biondi il 07/07/2010 22:31
    sempre una saggezza.
    ti prego non legare la tua lingua
    parli così bene complimenti
  • tania rybak il 07/07/2010 19:22
    grazie a tutti dei commenti, baci
  • laura marchetti il 07/07/2010 18:20
    sei il mio grillo parlante preferito... tu parla che io ascolto e... imparo!!! baci... felicissima del tuo ritorno
  • Paola B. R. il 07/07/2010 11:46
    Tanya questa sei tu, non si può piacere a tutti ma bisogna essere onesti con se stessi come fai tu!!! Bravissima!!!
  • Anonimo il 07/07/2010 09:48
    Saggia riflessione e bellissima poesia... io però ogni tanto la slegherei quella lunga lingua e la lascerei fare, dire, pungere magari! Baciare, beh forse no... 10 metri mi sembran davvero troppi!!
    Ti prego perdona quest'ultima mia ironica battuta, m'he uscita così oggi mi sento felice! Bellissima Tania, ciao.
    B. Roses
  • Vincenzo Capitanucci il 07/07/2010 08:30
    È la lingua dei 10 Sephirot...è una lingua senza limiti... ma prima di sciogliersi in parole... deve essere ben illuminata...

    Bravissima Tania... per fortuna Dio... può parlare anche attraverso il Raglio di un asino... sperando che non abbia mangiato... aglio... lol...
  • loretta margherita citarei il 07/07/2010 07:41
    giusto, bella riflessione, bacioni piccola grande donna
  • denny red. il 07/07/2010 02:07
    giusto tania, se c'ê rispetto, si può confrontarsi... Poi.. se di fronte si ha un alieno - a.. che Dio abbia pietà per lui, lei, e cosi sia.
    ben scritta!! Brava!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0