username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La solitudine

Un eccesso di euforia,
ma è solo un espediente
per allontanare dalla mente
i pensieri più tristi,
le paure più inconsce.

L'angoscia che giorno dopo giorno
mi attanaglia sempre più.
Un amaro sorriso.. e subito
prende forma una smorfia di dolore sul volto.

È un dolore che nessuno può capire,
è dentro di me
e non riuscirà facilmente ad abbandonarmi.

Sogno ad occhi aperti,
abbandono la mia fantasia
e viaggio.
viaggio oltre i confini della felicità.

È solo un attimo.
Una lacrima sgorga dagli occhi
e scende giù,
giù fino a rendere le labbra salate.

Chiudo gli occhi
e mi abbandono al sonno e poi
un risveglio con la consapevolezza che nulla è cambiato.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Sergio Fravolini il 12/08/2010 08:58
    Conosco bene le tue parole e... mi hai commosso.

    Sergio
  • pietro luigi crasti visintini il 19/07/2008 07:10
    Perfetta anche questa tua.
    Amari versi descritti sempre in punta di sentimento, duri ma che non fanno male a leggersi
  • Giampaolo Angius il 26/03/2008 13:27
    L'angoscia di risvegliarsi vivi magistralmente descritta. Serene 24 ore
  • sara rota il 19/09/2007 15:08
    La solitudine si racchiude spesso in una lacrima, in un abbandono in un senso di solitaria attesa...
  • stefano capolongo il 23/07/2007 11:40
    bellissima... rende tutto il tu ostato d'animo... e il mio
  • ALESSIO SANNA il 30/05/2006 20:34
    MOLTO BELLA, LONTANA DA POESIE AMOREVOLMENTE NOIOSE.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0