username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

A Benedetta

Non riesco più
a contare i tuoi centimetri
protesi sul futuro,
tanto sono cresciuti veloci.
Parole che non sanno d'infanzia
escono dalle tue labbra sottili
e sugli occhi prima ridenti
leggo espressioni più gravi.
Si capisce che vorresti
accelerare il tempo,
ma perché affrettare
i tranelli di questo mondo?
Orgoglioso ascolto i tuoi giudizi,
impensierito scorgo la tua libertà,
sperando che sia puntuale
la voce del bene.
Vola leggera su questi giorni,
piroetta sulle punte:
la danza della vita
è appena cominciata.

 

l'autore Maurizio Cortese ha riportato queste note sull'opera

Dedicata a mia figlia Benedetta, ballerina di danza classica, tredicenne proiettata sul futuro.


0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2010 12:51
    Bellissima poesia esprime tutto il tuo amore per tua figlia
  • giusi boccuni il 08/07/2010 00:00
    bellissima, come si avverte la preoccupazione di un genitore per il figlio che cresce e che non si potrà più proteggere, come quand'era bambino...
  • loretta margherita citarei il 07/07/2010 17:42
    bellissima dedica, oggi i ragazzi bruciano le tappe
  • Salvatore Ferranti il 07/07/2010 17:03
    bellissima poesia e delicatissima dedica. complimenti
  • Anonimo il 07/07/2010 16:52
    Quando si è giovani si ha fretta di crescere, ignari della vita... molto bella e dolce.
  • Laura cuoricino il 07/07/2010 14:43
    Bellissima! Hai avvolto Benedetta di amore-protezione, descrivendo con le note poetiche il cammino della vita! Complimenti. Ciao. Cuoricino

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0