accedi   |   crea nuovo account

Sguardo scarlatto

Sguardo scarlatto,
maculato, da bestia
s'aggira ansimando
cerca sete leggere
e spostarle e tenerle
e poi solo...
"VEDERE"

S'insinua con gli occhi
rubando piacere
agli amanti
nelle auto, nei prati...
ai ragazzi che attratti
da un ormone inclemente
i corpi incollano
nei loro orgasmi
appena fioriti

Guarda
seni e glutei
mentre si mescolano
e i sessi si tendono
per lui voyeur poveretto...
questo è l'"AMORE"
il suo solo amore

Allucinato
non è mai sazio
il suo viso è una maschera
un ammasso intricato
di muscoli tesi
lì ad aspettare
lo spasmo del piacere...
senza darlo a "vedere".

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Sergio Fravolini il 08/07/2010 14:30
    Guardare allucinati... guardare spaventati.

    Sergio
  • loretta margherita citarei il 08/07/2010 13:00
    i guardoni, persone malate, anche pericolose come il mostro di firenze... piaciuta
  • patrizia chini il 08/07/2010 12:33
    non devi chiedere scusa, il tuo scritto come la mia poesia è uno sfogo del dolore... del fastidio e anche della paura causati da queste persone quando con il fidanzatino mi appartavo per le prime effusioni... il fatto che siano dei malati non diminuisce il danno che causano specialmente a noi donne... ricordo il mio ragazzo che mi diceva "DAi.. che t'importa se guarda?" e invece importa, e tanto... è una violazione della privacy, è violenza sulla persona.
  • laura cuppone il 08/07/2010 11:46
    i guardoni sono conosciuti in tutto il paese, se si vive come ho vissuto io in un posto relativamente piccolo... si facevano anche battute tipo.."hey, vuoi vedere che... sta qui a guardarci? ma si non sai che ha una specie di posto di vedetta?" magari si rideva di questo... prima di scappar via dalla vergogna... o di farlo spaventare a dovere...

    i guardoni sono malati, si, ma anche lasciati al loro destino e non per far psichiatria spicciola ma a volte é risaputo che degenerino cercando il contatto con chi guardano.

    mi hai spiazzata con questa poesia.. non riesco ancora ad individuare in me un sentimento per questi disgraziati porci, ma so ora che i guardoni sono tra noi, nei nostri alloggi, se si pensa al porno su internet, avoglia quanti maritini fanno i guardoni!!!
    mah, non so se sia un bisogno reale o una cosa che ormai non desta alcuna reazione, visto che ci sono anche i posti dove si paga per guardare...
    la perversione imperversa...
    ovunque e comunque...

    scusa per aver occupato troppo il tuo spazio.
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0