PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il pino dal grande tronco fra le frasche d'alloro

il pino dal grande tronco fra le frasche d'alloro
ritrovo dei nostri primi baci alla villa Fabbricotti
quando ragazzi alla scuola dell'obbligo ci prendemmo
quante giovani coppie ha abbracciato
è ancora lì ora maestoso
che passo al giardino canuto come gli anziani
a consumar nei ricordi le ore
a cercar nell'aria nuova il sorriso
e del tempo passato faccio rendiconto
in alterne vicende impegnato
che certo per l'aldilà non contano
ma pur dovendo sottostare
dei fiori ho colto
ed altro per il rimpianto vorrei

il pino dal grande tronco ora maestoso
con occhi benevoli mi guarda
facendo cenno alla vita degli uomini
che è simile a quella degli alberi
e come loro va presa
i frutti ad ogni stagione si rinnovano
a lungo negli anni
finché solo il verde è il vestito
rimanendo in gioia comune
più spogli ad ogni anno
sciupati i rami ammaccato il tronco
non vi è paura né tormento
fino al naturale spegnimento

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 11/07/2010 15:02
    Parli di un una albero con semplicità e naturalezza, questo ti fa onore. Stupenda opera.
  • Anonimo il 11/07/2010 11:57
    quante giovani coppie ha abbracciato
    è ancora lì ora maestoso... l'albero dove mi andavo a baciare io era la "quercia di Napoleone"... Bella poesia
    Cari saluti
    Sabrina

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0