accedi   |   crea nuovo account

Convulsioni

Carichi la tua pistola,
amante fallito,
ed in ultimo
chiudi gli occhi
guardi l'universo
ed in un istante
la polvere si immobilizza
e gli uccelli spiccano il volo;
ma
la canna gelata sulla lingua
ti ricorda il freddo della Morte.

BANG

un'ultima folata di vento
ed è ancora violenza perpetua
su un'anima che lascia
il suo corpo a terra
agonizzante in violenti spasmi convulsi
di fiotti di sangue che non macchiano
solo le sue labbra
ma il mondo intero.

 

0
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Antonio Vista il 01/01/2016 21:38
    Un immaginario contesto grottesco in cui la macabra assenza di vuoto giace scontenti dentro di noi e sentiamo il bisogno irreversibile di puntarci una pistola in bocca.

2 commenti:

  • Michele Loreto il 11/12/2010 23:05
    Didascalica ed efficace nel far riemergere immagini. Un fumetto alla Dylan Dog, con la sagoma del suicida che affida ad i suoi ghirigori di sangue, il disprezzo per il mondo.
  • ELISA DURANTE il 23/11/2010 08:09
    Fa rabbrividire... Ottima invenzione, ma nella realtà non vale la pena!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0