accedi   |   crea nuovo account

Immagine calata dalla luna

Bottiglie sparse
sul pavimento
lava di vino
e miscugli mortali
come lingue brutali
che hanno perso la bocca

Dov'è la tua
felicità?

Accasciato sulla poltrona
nemmeno un peluche
maltrattato sarebbe così
mollemente rassegnato

Occhi di polvere
e catrame
discarica di malumore
e palude di sensi fatalisti
caduti nell'insano sonno
della pigrizia
Dov'è, dov'è
la tua felicità?

Anima senza sbocco
corpo di sangue ammuffito
prigione e prigioniero
chissà quale sarà la vostra
prossima tomba

Vita stremata
voce prosciugata
mente sgombra di luce
e il cervello solo una
culla di scheletrici sogni

Qual è, qual è
la tua felicità?

Da povera mortale
immagino la sconfitta
di uno sconociuto
diffuso fra tanti sconosciuti
nelle strade pallidamente
illuminate dalla luna
Possa tu, caro amico,
uscire da quella stanza
oltrepassare incolume
l'orrenda notte soffocante
e rinascere gabbiano

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0