username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Cicale

Invisibili sui rami
ad emettere
quel suono secco
parente della stagione,
liete di avvertire
quanto è torrido,
così ubriache di note
da continuare di notte:
non si accorgono
che quell'astro lassù
non è più il sole.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Manuela Magi il 14/07/2010 22:13
    ... adesso c'è un accenno di luna splendido.
    Bella poesia, un coro di cicale.
  • Anonimo il 14/07/2010 11:44
    Poeta sino in fondo, tanto da chiamare la luna astro, quando si sa che è un satellite, ma anch'io la definisco così! Licenza poetica...
    Bravo
  • Simone Scienza il 13/07/2010 13:14
    Talmente perse nel lor canto
    il sol va via d'in... canto

    Sintesi Significato e Stile molto bella Maurizio
  • Salvatore Ferranti il 13/07/2010 12:33
    poesia molto piacevole.
    davvero bella
  • suzj hoing il 13/07/2010 00:50
    troppo impegnate a cantare,è già notte!
    Bella.
    S:

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0