accedi   |   crea nuovo account

Reduce da un Ricordo

Vergine in blue
abbracciata sul lembo
di una pagina estiva
accalora le maschie
figure in discesa.
Siamo soldati
nemmanco creati
che l'Italia ci cinse
coi singhiozzi di coorte,
Una marcetta un po sbronza
o un inno che sennò chiamo Scipio.
Lei fa finta di non vedere,
sulla collinetta di piante grasse
e mutandine stese ad asciugare,
mentre noi aspettiamo sotto il sole.
Folgore su per giù ognuno
sbatte nell'elmo di cui sopra
la voragine dello stomaco battagliero.
La nave va in un brivido d'agosto
sull'Impero seminascosto
da una cartagine di fumo
da cui esce una volpe del deserto.
Il tuo vecchio caro nonno
ti saluta da un breve cimitero
di sabbia.

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • augusto villa il 23/01/2012 20:02
    Bella, bella, bella!... La poesia parla da sè... che altro dire... se non..."Complimenti!"..? --------------
  • Anonimo il 13/07/2010 19:47
    Letta con piacere!
    Davvero ben fatta, Luciano! 5 stelle!


    A. R. G

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0