username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Era santo, ma anche un bambino di carne, Gesù

In quel Paese aspro e selvaggio
vi concepirono un pargolo saggio,
che già tutti benediva
quando ancora, nel grembo, fioriva.
Vagiti, spirito, latte e preghiere
nella più celebre, delle sere.
Boschi di stelle, tiepido fieno
e, gaie balie, le pastorelle.
Saggi, astrologi, cacciatori.
Arcieri, dottori, poeti, cantori.
Ogni entità , ad ammirare
il Suo Sacro, umano, bagliore.
Fulvi capelli, labbra di miele,
pelle dorata, zigomi belli.
Occhi pervasi
da senno e cuore.
Mandorle nere
di eterno amore.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

15 commenti:

  • Sabrina C. P. il 04/03/2014 12:48
    Sarebbe l'ora che questa poesia "rubata" nel senso letterale della parola, Tornasse al suo autore. Anche perchè è depositata a suo nome ed è solo per "stanchezza" che non sono stati ancora presi "provvedimenti" .
  • Anonimo il 13/05/2012 20:09
    Io non sono la migliore del sito, cari anonimi vari... molto gentili... tuttavia questa poesia è mia e se dapprima c'era un accordo con questa autrice che poteva spiegare la presenza di alcune mie opere pubblicate sul suo profilo, dopo quasi due anni e dopo una poesia che ha fatto lei sulla mia supponente morte, dove non ha mancato di svilirmi in tutto il sito(ringrazio lo staff per averla censurata ) ed ha persino pubblicato lo scherzetto su un blog pubblico di google per non dire le telefonate che sono arrivate da tutta l'Italia di gente attonita che faceva la condoglianze a mio marito... Penso che sarebbe giunta l'ora di ritirarle.
  • Anonimo il 09/11/2010 14:55
    Complimenti, Sabrina.
    Il tuo stile è inconfondibile.

    Zio Alla.
  • Inchiappa Vito I Song il 30/07/2010 14:32
    Hai umanizzato con parole seducenti e indovinate lo spirito di amore col quale Dio ha incarnato sè stesso. Non è semplice la tua opera di translazione. Complimenti per la tua eleganza e completezza.
  • Anonimo il 16/07/2010 16:04
    Gesù, però, nella sua vita terrena, era anche umano.
  • Anonimo il 16/07/2010 01:20
    La religione è un tema delicato. Scrivere di lei può comportare giudizi non proprio lucidi sull'opera in questione. Di questa o quest'altra, in genere. Hai buone qualità nel musicare le parole. Anche nella loro ricerca e nel loro accostamento. Ti critico, sempre nel rispetto e nel dubbio, l'associazione tra bellezza fisica, seppur potrebbe sembrare mascherata dalla potenza del divino amore, con la figura spirituale di Cristo. Come ti ripeto, a mio parere è un tema delicato. Un piccolo consiglio sull'obbiettività dei commenti che si possono ricevere in questi casi. Per quanto riguarda il resto, cioè la composizione, avrai già capito che mi complimento con te. Ciao
  • Anonimo il 15/07/2010 18:38
    Brava.
    Graziaci con queste belle poesie.
    Conferiscono un piacevole senso di pace.
    Benvenuta!!!
  • Don Pompeo Mongiello il 15/07/2010 10:17
    Una poesia scritta con vera maestria poetica. Bravo davvero!
  • Anonimo il 13/07/2010 23:38
    Dolcissima dedica al Bambino più speciale di tutto l'universo.
    Stupenda
    D.
  • Anonimo il 13/07/2010 22:26
    il concepimento di una realtà che stiamo cercando, felicità per tutti. credo che il messaggio che portavano i più nobili e saggi uomini fosse la felicità di vivere in armonia. stupenda poesia ciao Salva.
  • ignazio de michele il 13/07/2010 21:31
    e se te lo scrive Loretta, è stupenda.
  • loretta margherita citarei il 13/07/2010 21:09
    stupenda
  • Anonimo il 13/07/2010 20:05
    Gesù,è senza dubbio, il più grande uomo che sia mai esistito.
  • Anonimo il 13/07/2010 19:22
    Ben fatta... rime importanti per un argomento difficile.
    Ottima

    A. R. G
  • Anonimo il 13/07/2010 19:12
    POESIA BELLA, RICCA DI IMMAGINI E RELIGIONE, COMPLIMENTI.
    B. B.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0