accedi   |   crea nuovo account

il canto di arianna

la tenebra si intrufola
tra gli archi della reggia dove tu sarai
molle fra gli allori
e senza cedimento incanterai
l’ascolto altrui
nel sonno afoso si stende la borgata
sbandando sottovento
abeti e larici avidi di mare
arc en ciel di sotterranei
brilla cristallino
e l’alba arriverà
su desideri di donna sublimi
di zolfo e di fuoco
non occorre andar lontano
nell’alito di echi e sillabari
nemmeno l’orizzonte è stato più vicino
sopra le città
ingranaggi minuziosi e rotismi antichi
nel mondo pago di notti afgane
crollano abituri
sulle macerie pesanti
del ventre dell’umana terra
la campana stanca è muta
le onde intercalate dalle note
sanno di filosofia
ferendosi a vicenda
pause e silenzi tra loro divisi
reclamando il mistero di misure senza metro
e dall’ineguale pentagramma
spicca il volo di penombra
fuori di questa sfera
il silenzio della logica
più forte degli archi di pietra è forse la voce?
la tua
intendo
non sento
non contano canti di me
sono incenso nel vuoto
eppure andrai cianciando di noi
frasi falsate di incerta fattura
ed io pure tratto di torri
e traccio parallele nel cielo
ad attrarre profeti
i ridicoli animali da macello
liquefatta è la materia
come acqua mercuriale
qui tra me e te lontano
il verbo scorre su scale azzurrate
e più in giù distesa a vela
l’ansia del gioco e dell’inganno

12345

1
6 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 08/11/2015 01:00
    apprezzata... complimenti

6 commenti:

  • sara rota il 01/10/2007 13:49
    La lunghezza infinita la guasta un pò.
  • roberto mestrone il 01/10/2007 10:57
    Canto stupendo, con visioni e metafore sublimi.
    Bravissimo Piero!
    Ro
  • Anonimo il 22/04/2007 00:59
    Lunghissima ma bellisima, guai a chi si permette d'ora in avanti di dire che le mie sono lunghe, complimenti sei proprio bravissimo:ciao.
  • Riccardo Brumana il 09/03/2007 19:48
    Lunga come poche, bella come quasi nessuna. Questa poesia è riuscita a rapirmi. Complimenti hai del talento.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0